29 Marzo 2002

Stragi sulle strade: Ultimatum del Codacons

Pasqua tra esodi, musei e pic nic
Traffico sostenuto in uscita dalla città, stranieri in arrivo, iniziative religiose e culturali, parchi aperti e spettacoli gratuiti per il week end festivo. Stasera la via Crucis. Ultimatum del Codacons.





ROMA – Pronti a partire gli ultimi ritardatari che ancora non hanno abbandonato la città. Tra stasera e domattina ultimo round di partenze per questo lungo week end pasquale. Traffico intenso in particolare ai caselli della Roma-L`Aquila e della A/1, sia in direzione sud che in direzione nord, sulle vie consolari e sul grande raccordo anulare. Il litorale laziale, Monte Livata, Umbria, Toscana e sud Italia le mete prelidette dai romani per la breve vacanza. Almeno per chi non ha la possibilità di trascorrere fuori un`intera settimana. Quei pochi fortunati hanno già raggiunto tra ieri e oggi mete più lontane. Sharm el Sheik, Maldive, Tunisia e Cuba i luoghi più ambiti. Molti comunque i turisti arrivati nella Capitale. Italiani, ma anche francesi, tedeschi e americani che, dopo la lunga crisi successiva all`11 settembre, hanno ripreso a varcare l`oceano. Per loro e per la maggior parte dei romani che rimangono in città musei aperti (Galleria nazionale arte moderna, Villa Giulia, Galleria Borghese, Palazzo Barberini, Castel Sant`Angelo, Terme di Caracalla, Domus Aurea, Pantheon, Museo arti e tradizioni popolari, Vittoriano, Scavi di Ostia Antica), pic nic pubblici, iniziative per bambini e, soprattutto, un surplus di funzioni religiose, come si conviene alla festa più importante del calendario cattolico.


Si comincia stasera con la Via Crucis che, per la prima volta, non sarà presieduta dal Pontefice, che ha scelto in questi giorni di partecipare alle varie cerimonie, lasciando al Cardinale Sodano le celebrazioni sacre. Giornata fondamentale questa del Venerdì Santo che sin dalle prime luci dell`alba ha visto la bandiera del Vittoriano sventolare a mezz`asta, con stupore e curiosità di quanti, tra i numerosi turisti che affollavano stamane piazza Venezia, hanno notato il tricolore a metà pennone. Mentre sui vicini Palazzi della Presidenza della Repubblica, del Consiglio e della Camera dei Deputati continuava a sventolare in tutta la sua vivacità. Mistero subito svelato dal Comando militare che dice “si tratta di un segno di rispetto previsto da una normativa del 1973 nei confronti della religione cattolica in uno dei suoi tempi forti come quello della morte e della resurrezione di Cristo“.


E tra una cerimonia e un`altra tempo libero per lo shopping di primavera e gli ultimi acquisti di cibarie e uova di pasqua. Sarà la carne a farla da padrone sulle tavole dei romani, dopo l`astinenza odierna. Abbacchio, pollo e tacchino le più richieste, dicono i venditori, ma anche pasta fresca, tortelloni e carciofi, come tradizione impone. Ultime scorte e provviste ai mercati rionali per chi sta organizzando la gita fuori porta o la fuga dell`ultimo momento. Turni raddoppiati per protezione civile, vigili urbani e agenti della polizia forestale che operano lungo il litorale di Ostia, Fiumicino e Fregene, mete tradizionalmente affollate nei giorni festivi, e in parchi e pinete, dove si prevede un notevole afflusso di gitanti. Apertura straordinaria per le festività pasquali, dopo cinque anni di chiusura, dell`Oasi protetta del Wwf di Macchiagrande a Fregene, con visite guidate domenica dalle 10 alle 14 e lunedì alle 10, mentre sempre per domenica è prevista l`apertura dei porti di Claudio e Traiano. Per gli amanti della montagna, ultime sciate della stagione a Pasqua e Pasquetta sulle vette di Monte Livata , la “montagna della Capitale“, che, con l`abbassamento di temperatura di questi giorni, ha ancora 40 centimetri di neve .


Giochi e scampagnate, invece, nella riserva naturale di valle Aniene dove l`assessorato all`infanzia del Comune ha organizzato una giornata “a spasso tra i parchi con tutta la famiglia“, con tanto di spettacolo di burattini, caccia al tesoro e visita guidata (lunedì dalle 10 alle 19) all`interno dei 620 ettari di verde dell`Aniene. L`ultima raccomandazione va a tutti gli automobilisti. Viste le stragi stradali degli anni passati, il Codacons annuncia una clamorosa iniziativa: chiederà ai Ministeri della Difesa e degli Interni ?50.000 di risarcimento per ogni incidente stradale grave.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this