11 Dicembre 2018

Strade colabrodo a un anno dai lavori

la denuncia del m5s: “non sono stati fatti a regola d’ arte, l’ amministrazione sia vigile”
SAN NICOLA LA STRADA – Il degrado di una città non si misura soltanto con l’ immondizia presente in strada e col mancato controllo nei confronti di balordi che rendono pericolose le aree verdi. Anche con la scarsa attenzione di chi è chiamato a gestire l’ interesse dei cittadini affinché i soldi pubblici siano spesi in maniera adeguata e ‘produttiva’. Ebbene, a San Nicola la Strada, oltre alle prime due gravi problematiche si aggiunge anche quello dello ‘spreco’ di soldi pubblici. Sì, spreco. A denunciarlo sono gli attivisti del Movimento 5 Stelle che, insieme all’ ingegnere Aniello Nazaria (anch’ egli pentastellato ma anche incaricato dal Codacons di eseguire accertamenti sul Ponte Morandi a Genova dopo il crollo), hanno verificato lo stato delle strade cittadine che hanno subito interventi di sistemazione e riqualificazione nei mesi scorsi. In particolare, l’ attenzione degli attivisti si è concentrata su via XX Settembre, via Pilade Bronzetti e via Carlo Patturelli. Strade che sono state rifatte poco più di un anno fa ma che presentano già avvallamenti e addirittura anche buche e le lesioni con effetto ‘pelle di coccodrillo’. Ad entrare nel merito dei lavori eseguiti è stato proprio l’ ingegnere Nazaria: “Sicuramente possiamo dire che non sono stati fatti a regola d’ arte. Basta guardare a terra e si notano subito dissesti e lesioni su una pavimentazione realizzata poco più di un anno fa. Sono evidenti cedimenti fondali della struttura stradale. Inoltre ci sono degli spessori ridicoli. E’ impossibile, infatti, compattare un manto bituminoso – sottolinea Nazaria – che ha uno spessore di mezzo centimetro. E’ normale che poi si vengano a creare crepe e spaccature”. Nazaria poi evidenzia: “Ci sono lesioni che non possono esserci in una strada rifatta appena un anno fa. Ci troviamo di fronte a gradi di dissesto talmente gravi, dopo un così ridotto lasso di tempo, che siamo al ridicolo. Non dimentichiamo che queste strade sono state rifatte con soldi pubblici”. Dal Movimento 5 Stelle, quindi, si appellano all’ amministrazione comunale, guidata dal sindaco Vito Marotta, chiamando direttamente in causa l’ assessore ai Lavori pubblici Antonio Megaro: “E’ stato sottolineato che questa amministrazione non prende in giro i cittadini. Ci attendiamo, quindi, che in vista delle altre strade cittadine che presto saranno oggetto di rifacimento si provveda a controllare la qualità del lavoro eseguito, così da tutelare i cittadini e garantire come vengono spesi i soldi pubblici”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox