26 Luglio 2014

Stop alla Squadra antincendio boschivo «Territorio esposto alla devastazione»

Stop alla Squadra antincendio boschivo «Territorio esposto alla devastazione»

Più si avvicina la data, fissata per lunedì prossimo, più aumenta l’ indignazione e lo sconcerto tra la gente. Indignazione che, per i lavoratori della squadra AIB (antincendio boschivo) il cui servizio verrà sospeso dalla prossima settimana, si traduce anche in incertezza e spreco di un bagaglio di esperienza nella gestione delle emergenze messa al servizio dei comuni di Placanica, Stignano, Monasterace, Caulonia e molti altri della Locride i quali, con la sospensione del servizio, d’ ora in poi in caso di incendio non solo potranno avvalersi unicamente dell’ intervento dei Vigili del Fuoco, ma dovranno rinunciare a una squadra di venti operatori specializzati diventati delle vere “sentinelle” del territorio. «Una cosa inaudita» per la dottoressa Maria Spanò del Codacons Locride, «che oltre a sconcertare la società civile, per la leggerezza con la quale ci si priva di un così fondamentale e importante presidio, appunto la squadra AIB, espone molte zone del Reggino a una minaccia inesorabile: la furia devastatrice degli incendi». È il risultato dell’ assenza della “Politica”, che non ha fatto nulla per evitare lo scippo di un servizio che copre una vasta area che comprende i comuni da Monasterace fino ai confini dell’ area grecanica e parte della Piana gioiese. L’ appello, dunque, dei lavoratori del servizio AIB che ha sede al consorzio di Bonifica di Caulonia, agli amministratori locali è ad impegnarsi per evitare un indebolimento delle potenzialità di un gruppo sempre capillarmente presente sul territorio, capace di offrire una adeguata risposta alle esigenze di sicurezza in periodi come questo in cui si verifica un pesantissimo aumento di incendi boschivi, spesso con gravi rischi per i cittadini.
imma divino

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox