25 Settembre 2017

Stones, chi esulta e chi protesta

LUCCA DOPO IL CONCERTO ESPOSTO IN PROCURA: TROPPI DISAGI ERNESTO FERRARA CONCERTO evento doveva essere e così è stato: i Rolling Stones sabato sera si sono presi le mura storiche di Lucca. In 56 mila hanno saltato e si sono infiammati, riso e pianto in una serata destinata a entrare nella storia della città. Entusiasta il sindaco, Alessandro Tambellini: «Grazie ai lucchesi». Le polemiche però non mancano: «Abbiamo pagato il biglietto e non abbiamo visto nulla» protestano a centinaia. E il Codacons fa esposto alla procura. SUI SOCIAL network e sui siti di musica si stanno moltiplicando le proteste di chi, pur avendo pagato un regolare biglietto, non ha potuto godere pienamente del concerto, spiega il Codacons: «In particolare gli utenti denunciano la totale inadeguatezza della location, che ha reso non visibile per molti il palco, ma anche l’ insufficienza di bagni chimici, lo spazio ristretto per gli spettatori, la presenza di persone arrampicate su alberi e lampioni con ripercussioni sul fronte della sicurezza, code chilometriche e acustica non all’ altezza dell’ evento». Oggi la denuncia in procura. Il sindaco Tambellini invece esulta per il successo dell’ evento: «La reputazione della città e dei cittadini verrà proiettata in tutto il mondo per molto tempo ancora: grazie Lucca. E adesso, dopo le tante parole spese per decantare i meriti degli organizzatori e la bravura immensa degli Stones, io voglio dire grazie ai lucchesi». Lunghe code per uscire in auto da Lucca sabato sera, ma anche molti sono andati in treno: «Sono stati oltre 10mila i fan dei Rolling Stones che hanno raggiunto Lucca con i treni regionali di Trenitalia» dicono le Fs. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox