15 Giugno 2018

Stadio Roma: Codacons, esposto per verificare operato Raggi

“Nuovo progetto non è passato da Consiglio, come prevede legge”
ROMA
(ANSA) – ROMA, 15 GIU – “Saranno la Corte dei Conti e la Procura di Roma ad accertare se l’operato del sindaco Virginia Raggi e del Consiglio Comunale sia stato corretto, o se al contrario siano state commesse omissioni di atti dovuti che rendono il sindaco e i consiglieri comunali corresponsabili dei gravi fatti relativi allo Stadio della Roma”. E’ quanto afferma in una nota il Codacons che ha “deciso di presentare un esposto alla magistratura penale e contabile ritenendo che l’iter seguito per l’approvazione del progetto sullo Stadio non sia stato regolare. “Il Decreto Legge 24/04/2017, n.50, recante ‘Disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali’ – ricorda l’associazione – prevede espressamente all’art. 62 che ‘nel caso di impianti sportivi privati il verbale conclusivo della conferenza di servizi decisoria costituisce, ove necessario, adozione di variante allo strumento urbanistico comunale ed è trasmesso al sindaco, che lo sottopone all’approvazione del consiglio comunale nella prima seduta utile’. Nel caso dello Stadio della Roma, tuttavia, il Consiglio Comunale non è stato chiamato ad esprimersi sul nuovo progetto. Per tale motivo il Codacons ha deciso di denunciare agli organi competenti il sindaco Raggi e i singoli consiglieri comunali per capire come mai questo obbligo di legge non sia stato rispettato, e se sia configurabile una omissione di atti dovuti con ripercussioni per le casse pubbliche. Con una diffida che sarà inoltrata oggi, il Codacons chiede inoltre a Sindaco e al Presidente del Consiglio Comunale di sottoporre entro 30 giorni il progetto finale sullo Stadio di Tor di Valle allo stesso Consiglio, affinché provveda al suo annullamento considerati i gravi reati emersi dalle indagini della Procura”. (ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox