20 Luglio 2019

Stadio della Roma, Parnasi a processo

Dodici rinvii a giudizio e tre patteggiamenti nell’ ambito del procedimento sullo Stadio Roma. È la decisione presa dal gup che ha fissato al 5 novembre, davanti all’ ottava sezione del tribunale capitolino, il processo al costruttore Luca Parnasi. Con lui sono imputati, tra gli altri, l’ ex vicepresidente del Consiglio della Regione Lazio di Forza Italia, Adriano Palozzi, l’ ex assessore regionale del Pd, Michele Civita, e il soprintendente ai beni culturali di Roma Francesco Prosperetti. Nel fascicolo si ipotizzano, a vario titolo, i reati di associazione a delinquere, corruzione, finanziamento illecito e induzione indebita a dare o promettere utilità. Tre degli imputati, ex collaboratori di Parnasi, hanno patteggiato condanne da uno e due anni, con pena sospesa. Nel processo che si aprirà il 5 novembre, saranno parte civile Campidoglio, Regione Lazio, Cittadinanzattiva e Codacons. Parnasi è stato arrestato il 13 giugno del 2018 e successivamente sottoposto a obbligo di firma: gli inquirenti lo ritengono capo di un sodalizio che avrebbe tentato di “oliare” i vari passaggi dell’ approvazione del progetto dello stadio mettendo in atto una corruzione definita da chi indaga «sistemica». Per arrivare all’ approvazione del progetto, Parnasi si sarebbe servito tra gli altri dell’ avvocato, ex presidente di Acea, Luca Lanzalone, finito ai domiciliari con l’ accusa di corruzione e giudicato con rito immediato in un procedimento ancora in corso, che per la giunta capitolina seguiva la trattativa sulla modifica del piano e che in cambio dell’ aiuto fornito avrebbe ricevuto incarichi e consulenze del valore di 100mila euro.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox