20 Marzo 2013

Sprechi, il Codacons denuncia la Rai alla Corte dei Conti per danno erariale

Sprechi, il Codacons denuncia la Rai alla Corte dei Conti per danno erariale

Come annunciato nei giorni scorsi dal presidente Carlo Rienzi, il Codacons ha presentato alla Corte dei Conti un corposo dossier sugli sprechi della Rai. Sotto la lente d’ingrandimento dell’agguerrita associazione dei consumatori, diversi episodi che spaziano, spiega Rienzi, “dagli elevati costi di alcune trasmissioni che hanno raccolto pessimi risultati in termini di audience, ai mega-compensi pagati a conduttori e ospiti dei vari programmi tv”, ma anche “aspetti relativi alla gestione Rai, come gli appalti per le forniture, i rapporti di lavoro con dipendenti e funzionari, la creazione dei palinsesti, la raccolta pubblicitaria, ecc.”.
La Rai accusata di danno erariale – L’iniziativa parte dalla polemica innescata dall’alto cachet percepito dal calciatore Christian Vieri a Ballando con le stelle, già oggetto di denuncia da aprte del Codacons. In un comunicato, l’assocazione specifica che nel dossier c’è un documento con cui “un direttore di rete propone ad un produttore di dividere con lui il compenso pagato dalla Rai per una produzione”. L’accusa per viale Mazzini è di danno erariale e, secondo quanto anticipa il settimanale Panorama, riguarderebbe la gestione dei cinque anni precedenti a quella dell’attuale direttore generale Luigi Gubitosi.
Che tempo che fa e In mezz’ora al centro del dossier  – Tra gli episodi citati dal codacons nell’esposto ci sarebbero la partecipazione di Jennifer Lopez a Sanremo 2010, alcune trasmissioni flop come Votantonio (1 milione e 350 mila euro per tre puntate, chiusa dopo appena una puntata) e gli appalti esterni alla Endemol per la trasmissione Che tempo che fa, condotta da Fabio Fazio e, come rivelato da Alessandra Menzani su Libero lo scorso 11 marzo, quelli relativi trasmissione In mezz’ora di Lucia Annunziata.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox