26 Maggio 2020

Sport, Riapertura palestra: come ottenere rimborsi e riduzioni

Ieri 25 maggio hanno riaperto le palestre e le piscine in tutta Italia (eccetto in Lombardia e in Basilicata): per la gioia di chi ama lo sport e per chi ama tenersi in costante allenamento. Le norme e le regole per svolgere gli allenamenti in palestra sono davvero stringenti e precise: nella totalità dei casi, comportano la restrizione di diversi servizi fino all’ annullamento di alcuni, orari di accesso e di permanenza limitati ad alcune fasce orarie e/o cadenza settimanale. L’ introduzione di queste regole all’ interno delle palestre e delle piscine comporta sostanzialmente la modifica dei contratti che erano stati stabiliti. La modifica contrattuale comporta la possibilità di ottenere rimborsi, riduzioni e disdette abbonamento palestra. Ecco le novità contenute nel Decreto Rilancio. Riapertura palestre e piscine dal 25 maggio: le regole ed i protocolli di sicurezza Fra le misure previste per accedere alle palestre ed allenarsi all’ interno dei centri sportivi e piscine c’ è la regola aurea di rispettare il distanziamento sociale ed evitare gli assembramenti dei clienti all’ interno delle strutture. Inoltre, i locali devono essere sottoposti a sanificazione, come pure gli attrezzi dopo l’ uso di ogni atleta. È obbligatorio l’ uso della mascherina e per garantire le distanze di sicurezza le presenze all’ interno della palestra saranno dimezzate e verrà separato l’ ingresso dall’ uscita. In ogni ambiente è possibile trovare il gel igienizzante per le mani ed al termine di ogni lezione devono essere utilizzati prodotti con presidio medico per la pulizia/sanificazione di ambienti e attrezzi di lavoro. Le lezioni vengono svolte con porte e finestre aperte e impianto di climatizzazione acceso. Onde evitare assembramenti in reception, ogni atleta deve attendere l’ inizio della lezione fuori dell’ ingresso principale della palestra o della piscina. Ogni istruttore deve chiamare la sua classe per accompagnarla direttamente in sala dopo il timbro della tesserina. Le scarpe vengono tolte all’ ingresso della sala e tutti gli oggetti personali, scarpe comprese, devono essere custoditi in un sacchetto di plastica. Gli atleti devono presentarsi puntuali, non in anticipo e già pronti per svolgere l’ attività sportiva. L’ ingresso anticipato sarà consentito solo nel caso in cui si debba effettuare un pagamento o richiedere informazioni. Non sarà consentito l’ utilizzo degli spogliatoi per cambiarsi e potrà essere utilizzato il bagno una persona alla volta. Palestra, il rimborso e riduzione dell’ abbonamento dopo il lockdown Dopo il lockdown di due mesi tutti gli sportivi frequentatori delle palestre si trovano a fare i conti con i moduli e le richieste di rimborso dell’ abbonamento. Secondo la stima calcolata dal Codacons sono quasi 1,9 miliardi di euro gli indennizzi agli sportivi. Sulla questione dei voucher e rimborsi abbonamenti palestre è l’ articolo 216, comma 4, Decreto Rilancio, che prevede la possibilità di chiedere un rimborso. Pertanto, viene data la possibilità ai gestori di fornire al cliente o un rimborso in denaro oppure un voucher che abbia lo stesso valore del periodo per cui non si è usufruito dell’ abbonamento, da usare presso la stessa palestra o nella stessa struttura sportiva entro il 25 maggio 2021. Per presentare la domanda di richiesta rimborso abbonamento palestra è necessario “presentare, entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente Decreto, istanza di rimborso”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox