23 Luglio 2011

Sporchi, pochi, in ritardo: i treni pendolari

Sporchi, pochi, in ritardo: i treni pendolari 
 

 
QUARTO D’ ALTINO. Sono stufi marci i pendolari altinati di dover montare su carrozze sporche, stare attenti a dove si siedono, viaggiare schiacciati come le sardine e morire di caldo. Ma soprattutto arrivare in stazione, a Venezia – dove la maggior parte lavora e fa tappa – così come a Quarto d’ Altino e scoprire che il proprio treno è stato soppresso. Lunedì l’ ennesimo ritardo, denunciato dal portavoce dei pendolari e responsabile dello sportello Codacons altinate, Luciano Ferro. «Il treno che sarebbe dovuto partire dalla stazione di Quarto alle 10.58 – spiega – e diretto a Venezia, portava un ritardo della solita mezzora: come sempre molti pendolari sono stati costretti a tornare a casa e servirsi della propria auto per arrivare al lavoro ad un orario decente. Naturalmente, oltre all’ auto bisogna aggiungerci anche altri mezzi di trasporto, quali autobus e vaporetti». Ieri il consigliere comunale altinate di Patto Cittadino, Cristina Baldoni, ha trasmesso con urgenza una lettera indirizzata al governatore Luca Zaia, all’ assessore ai Trasporti Renato Chisso e a Maria Antonietta Giaconia della Divisione passeggeri di Trenitalia, nella quale denuncia con vigore tutti i disservizi della linea ferroviaria Venezia-Trieste. «I problemi – spiega – riguardano alcune delle corse maggiormente frequentate dalle lavoratrici, lavoratori e studenti, in particolare il treno delle 7.15 proveniente da Trieste dove, chi sale a Quarto, difficilmente trova posti liberi per potersi sedere nelle carrozze. A ciò va aggiunta una situazione inspiegabile: proprio su questa corsa spesso, una o più carrozze sono inagibili, quindi il disagio dei viaggiatori diventa più pesante». Si legge: «Nei mesi scorsi in più occasioni le corse delle 17.11 e 18.11 da Venezia Santa Lucia sono state soppresse, anche in questi casi senza alcuna spiegazione alle centinaia di utenti che tentavano di rientrare dopo una giornata di lavoro o di studio. E’ preoccupante constatare che i problemi cronici relativi alle pulizie e al decoro invece di essere risolti, si moltiplicano: carrozze sporche, porte inagibili, bagni fuori uso o sudici. Senza contare il caldo torrido di questi giorni e le carrozze roventi a causa del mancato funzionamento dell’ aria condizionata». Da qui la richiesta urgente di risposte. Nei giorni scorsi, inoltre, il Codacons ha segnalato l’ impossibilità di sostare nella sala d’ aspetto altinate perché l’ interno era occupato da due barboni che una volta arrivato il treno diretto a Venezia sono saliti sopra per poi nascondersi dentro il bagno.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox