26 Luglio 2016

Spiagge più care, Forte si piazza al secondo posto

Spiagge più care, Forte si piazza al secondo posto
al primo c’ è
venezia per sessantacinque euro di differenza dalla versilia medaglia di
bronzo per marina di pietrasanta con 250 euro al giorno

FORTE Per 65 euro di differenza Forte ha sfiorato la vetta della classifica delle 10 spiagge più costose d’ Italia. Due le chiavi di lettura possibile della graduatoria che vede Forte seconda soltanto a Venezia, tra le spiagge più salate d’ Italia. Una è fornita dallo stesso presidente del Codacons, Carlo Rienzi: «Si tratta di lidi esclusivi che offrono servizi spesso di lusso, non certo alla portata di tutte le tasche». L’ altra è invece una visione assai meno ottimistica che potrebbe penalizzare ulteriormente le presenze qualificando il Forte, come eccessivamente caro o top di gamma. In fondo, proprio questo primo scorcio di stagione in cui le presenze turistiche sono rimaste concentrate nei week end, e dove anche il mercoledì mattina si trovava stranamente parcheggio in pieno centro, dietro al Municipio, potrebbe essere proprio un indicatore legato ai costi. Eh sì, perché di Bentley e Ferrari non ne sono mai mancate, così come i loro danarosi proprietari, ma è stato notato da tutti che c’ erano, invece, meno auto di lusso e quindi meno borghesia e middle class. L’ indagine del Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ ambiente e dei diritti degliuUtenti e dei consumatori) porta dunque a galla una questione che andrebbe esaminata con serenità, magari il prossimo inverno. Forte deve continuare la scalata dei prezzi (e si spera anche dei servizi) per restare al top o deve anche pensare ad allargare il mercato garantendo più lavoro e presenze costanti per tutti? Sociologia e economia delle vacanze a parte – prosegue Rienzi – «nel corso degli anni gli stabilimenti balneari si sono evoluti, e accanto al wi-fi in spiaggia, alla possibilità di ricaricare il cellulare presso l’ ombrellone, ai camerieri in battigia e al cibo servito direttamente ai lettini, hanno introdotto soluzioni sempre più innovative». E questo spiega anche i maxi prezzi. A guidare la classifica delle spiagge più costose d’ Italia c’ è, dunque, Venezia con la Spiaggia Des Bains da 355 euro al giorno, mentre Forte, in piazza d’ onore, promette una tenda sul mare per 290 euro al giorno. Terza, e questa è una sorpresa, Marina di Pietrasanta con 250 euro al giorno, cifra con cui anticipa Porto Cervo, Lerici, l’ Argentario, la Costa Smeralda e il Salento. Ecco comunque la classifica del Codacons delle spiagge più costose d’ Italia: Venezia: spiaggia Des Bains Capanna con 1 lettino, 2 sdraio, tavolino, 4 seggiole e 3 teli da mare: fino a 355 euro al giorno. Forte dei Marmi: tenda con extension per 4 persone con cassaforte, tavolo con 4 sedie, cassapanca, 2 sdraio, 2 lettini e 4 teli da mare, 290 euro al giorno. Marina di Pietrasanta: tenda con 2 letti, 2 sdraio, 1 sedia e 1 tavolino, 250 euro al giorno. Porto Cervo: 1 ombrellone e 2 lettini, uso piscine, doccia, spogliatoi e parcheggio privato, 250 euro al giorno. Lerici: 1 ombrellone, 1 lettino o pomodone, 1 telo da mare per lettino fino a un massimo di 4 persone, 65 euro a persona, 230 euro 4 persone. Argentario: tenda con 4 lettini, 1 sedia, 1 cassapanca, 4 teli da mare, 120 euro. Costa Smeralda: 1 ombrellone, 2 lettini, 2 teli da mare e 2 bottiglie d’ acqua, 120 euro al giorno. Salento: Cabana con 2 lettini, 100 euro più ingresso, 35 euro a persona. Una classifica questa che se farà piacere a chi ha il culto della Forte super Vip, non piacerà ai balneari cittadini che da sempre ci tengono a far sapere che si può accedere alla spiaggia anche con pochi soldi in moltissimi stabilimenti balneari che non hanno nulla da invidiare ai più costosi. ( r.f).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this