fbpx
24 Giugno 2019

Spiagge libere e stabilimenti balneari

 

ESTATE…tempo di vacanza almare! Tutte le spiagge fannoparte del demanio marittimo ecostituiscono pertanto unaproprietà inalienabile delloStato, un bene pubblico di pro-prietà comune. Dopo la ri-forma del titolo V dellaCostituzione del 2001, la lorogestione amministrativa è pas-sata dallo Stato ai singoli co-muni. A questi è pertanto datala facoltà di concessione dellespiagge a privati per la loro va-lorizzazione turistica. L’im-porto corrisposto va, inmassima parte, allo Stato, tito-lare del diritto, e, per una per-centuale minore, ai comuni,che si occupano della riscos-sione, per finanziare i propricompiti gestionali ed ammini-strativi. La cd Direttiva Bolke-stein, che prevedeval’assegnazione delle conces-sioni demaniali attraverso pro-cedure di gara ad evidenzapubblica, non è mai stata rece-pita del tutto nel nostro paese,più volte sanzionato per questodall’U.E. Il risultato è che sullenostre spiagge i gestori di lidisono sempre gli stessi da anni,i canoni corrisposti sono ridi-coli, e vi sono occupazioniabusive di interi tratti di costae violazioni sistematiche dinorme e sentenze europee. Daultimo, anche il governo giallo-verde, a dispetto del suo pro-gramma iniziale, con la ultimalegge di bilancio ha prorogatole concessioni, che avrebberodovuto tutte avere termine al2020 per dar vita ad un nuovocorso, per altri 15 anni, fino al2034. Insomma quella che do-vrebbe essere una gigantesca ri-sorsa economica — il Belpaesevanta 7.375 chilometri dicoste— si traduce in una situa-zione di caos totale e in un mi-sero introito per lo Stato cheriscuote canoni irrisori, talvoltadi poche centinaia di euroanche in località esclusive afronte di un industria con con-sistenti entrate economiche.Ma veniamo a noi poveri av-ventori vacanzieri! Quali sonoi nostri diritti? Come tutelarsi?L’accesso alla spiaggia libera èCODACONS/ Ecco una panoramica sulla normativa vigente nel nostro Paese circa l’utilizzo delle aree dedicate ai classici bagni estivigratuito anche attraverso glistabilimenti. I lidi attrezzati,quindi non possono richiederealcun importo per il sempliceaccesso alla spiaggia e, la sostasulla battigia, area esclusa dallaconcessione, è sempre possi-bile a condizione che non inficila sicurezza dei bagnanti coningombro di attrezzature. Lespiagge libere devono essere al-ternate a quelle occupate dastabilimenti e la loro pulizia edil servizio di salvamento de-vono essere garantiti dal co-mune o, in mancanza, dallostabilimento confinante. Perquanto riguarda i lidi attrezzatiil prezzo richiesto deve essereadeguato ai servizi offerti chedovranno prevedere uno stan-dard minimo: servizio di sicu-rezza e di salvamento conmezzi idonei e personale prov-visto di brevetto; docce inclusenel prezzo e in numero suffi-ciente; bagni; spogliatoi; puliziadella spiaggia; contenitori per irifiuti in maniera differenziata.A tal riguardo una direttiva re-cente, che si spera non resti let-tera morta, in considerazionedell’allarme inquinamento do-vuto all’uso smodato della pla-stica, ha messo al l’utilizzo dicontenitori di plastica mo-nouso a far data dal 2021. LaRegione Puglia, anticipando itempi, già da quest’anno nonsolo ne ha vietato l’uso ma haanche messo a disposizione deicomuni delle risorse economi-che per garantire la sostenibi-lità delle spiagge, nonché disagre ed eventi pubblici in pro-grammazione sul territorio. Perquanto riguarda i nostri amicia quattro zampe, come ha sta-tuito una recente pronunciadel TAR Lazio, non possonoessere esclusi dalle spiagge mala loro presenza non dovrà pre-giudicare la sicurezza dei ba-gnanti, ma anche la pulizia edil decoro, rimettendo la que-stione soprattutto al buonsenso ed all’educazione dei pa-droni. Infine ogni irregolaritàriscontrata, a seconda della si-tuazione, andrà segnalata, allaPolizia Municipale, quando ri-guardi i servizi rientranti nellaconcessione, alla G.F. peromissioni fiscali, e alla Capita-neria quando vi sia un pregiu-dizio o pericolo per lasicurezza delle spiagge e dei ba-gnanti. La sanzione, a secondadella sua gravità, potrà com-portare anche la revoca dellaconcessione. Vigilate gente Vi-gilate e non ingoiate il rospo..
Avv. Raffaella D’Angelo Ufficio LegaleCodacons Campania

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox