8 Giugno 2016

Spese Pazze, la Regione Liguria non si costituisce parte civile

Spese Pazze, la Regione Liguria non si costituisce parte civile

La Regione Liguria non ha chiesto di costituirsi parte civile e quindi di chiedere i danni per gli acquisti personali fatti coi fondi regionali nella giornata di avvio del processo per le spese pazze sostenute, nel periodo compreso tra il 2010 e il 2012, da 23 ex e attuali consiglieri regionali tra cui l’ attuale assessore allo Sviluppo economico, Edoardo Rixi, e l’ attuale presidente del consiglio regionale Francesco Bruzzone. È stato ammesso come parte civile il Codacons, l’ associazione per la difesa dei consumatori. Il processo è stato rinviato al prossimo tre ottobre. A processo, oltre a Rixi e Bruzzone, anche Matteo Rosso, capogruppo di Fratelli d’ Italia e poi tutti gli ex componenti dell’ Ufficio di presidenza del Consiglio regionale negli anni 2010-2012 fra i quali Rosario Monteleone, allora presidente (Udc), Michele Boffa (Pd), Giacomo Conti (Fds), Massimo Donzella (Udc). Le accuse, a vario titolo, per i 23 imputati sono di peculato e falso.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox