5 Aprile 2016

Spese pazze, il Pirellone sarà parte civile: sì del tribunale

Spese pazze, il Pirellone sarà parte civile: sì del tribunale

«La politica non si fa al bar o al ristorante, o magari in qualche montagna o al mare. Si fa nelle sedi istituzionali». Ne sono convinti i pm milanesi Antonio D’ Alessio e Paolo Filippini che, dopo aver esaminato ogni singola voce di rimborso, sono pronti a chiedere il conto (processualmente parlando) ai 56 consiglieri regionali (molti ex, ma anche alcuni attualmente in carica) attualmente sotto processo davanti alla decima sezione del Tribunale penale di Milano per i reati di peculato e truffa nell’ ambito del cosiddetto affaire «Rimborsopoli» e, cioè, l’ inchiesta sulle presunte «spese pazze» rimborsate con fondi regionali anche se ritenute estranee al mandato politico dei consiglieri nel corso della legislatura 2010-2012. Tra di loro figurano anche 5 esponenti politici bergamaschi: la rappresentante della Lista Pensionati, Elisabetta Fatuzzo, ancora in carica; e gli ormai ex Giosuè Frosio (Lega), Roberto Pedretti (Lega), Marcello Raimondi (Pdl) e Carlo Saffioti (Pdl). Contro questi ultimi quattro (più altri 27 «colleghi») è stata ammessa ieri la costituzione di parte civile da parte di Regione Lombardia. «L’ amministrazione regionale si è limitata a chiedere i danni solo a quei politici accusati di aver utilizzato complessivamente oltre 3 milioni di fondi pubblici assegnati ai singoli gruppi regionali per spese personali – o comunque non funzionali all’ espletamento del mandato -, che ad oggi non hanno ritenuto di adempiere al rimborso volontario», ha spiegato ieri l’ avvocato Antonella Forloni, rappresentante dell’ avvocatura regionale. In altre parole, per gli imputati, come Elisabetta Fatuzzo, che hanno provveduto al risarcimento prima dell’ apertura del dibattimento, il Pirellone ha rinunciato a costituirsi come parte offesa. Per la cronaca, il Tribunale penale di Milano ha ammesso come parte civile solo l’ amministrazione regionale, mentre ha escluso il Codacons e le associazioni Codici nazionale e Codici Lombardia. • Luca Testoni.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox