6 Aprile 2015

SPENDING REVIEW: IN ITALIA 500 ENTI ASSOLUTAMENTE INUTILI CI COSTANO 10 MILIARDI DI EURO L’ANNO

    SPENDING REVIEW: IN ITALIA 500 ENTI ASSOLUTAMENTE INUTILI CI COSTANO 10 MILIARDI DI EURO L’ANNO

    CODACONS CHIEDE AL RENZI DI CANCELLARLI PER EVITARE AUMENTO IVA E ACCISE

    L’Italia vanta il non invidiabile record europeo di paese con il più elevato numero di enti assolutamente inutili. Lo denuncia oggi il Codacons, che riporta anche i numeri del fenomeno.
    Nel nostro paese esistono a tutt’oggi circa 500 enti dichiaratamente “inutili” a carico della collettività – spiega l’associazione – Strutture che hanno un peso non indifferenze per il bilancio dello Stato: ci costano infatti la bellezza di 10 miliardi di euro ogni anno.
    Nel corso degli anni tutti i governi e tutti gli schieramenti politici hanno affermato di voler cancellare tali strutture, accertandone pubblicamente l’inutilità; tuttavia, nel corso degli ultimi 5 anni, solo una cinquantina di enti sono stati realmente eliminati: altri sono stati solo chiusi e poi riaperti con un nome diverso. Come a dire: oltre al danno, la beffa. Un esempio per tutti, l’Ente nazionale della montagna – che si aggiunge all’infinità di comunità montane presenti nel nostro territorio – il quale ha cambiato ragione sociale in “Istituto nazionale della montagna”, costo della struttura (secondo indiscrezioni): 490mila euro all’anno.
    Tra i tanti enti sulla cui reale utilità i cittadini avanzano dubbi, troviamo la Fondazione centro studi transfrontaliero del Comelico e Sappada; il Centro di documentazione di storia della psichiatria in Emilia Romagna; l’Ente autonomo fiera mostra dell’ascensione di Francavilla Fontana in Puglia; l’Istituto nazionale di beneficenza Vittorio Emanuele III; l’Istituzione per la conservazione della gondola e la tutela del gondoliere in Veneto; il Centro Piemontese di Studi Africani; l’Istituto culturale delle comunità dei ladini storici a Belluno. Tra gli enti scampati alla chiusura, oppure inizialmente chiusi e poi miracolosamente riaperti, troviamo l’ Unione Nazionale per la Lotta contro l’ Analfabetismo, Istituto per lo sviluppo agroalimentare, l’ Ente nazionale per il Microcredito, l’Arcus, l’Enit.
    “Basterebbe cancellare queste strutture,  i cui costi sono in buona parte a carico della collettività,  per recuperare 10 miliardi di euro ed evitare in futuro l’aumento dell’Iva e delle accise previsto dalle clausole di salvaguardia – afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – Per questo rivolgiamo oggi un appello al Premier Matteo Renzi affinché intervenga tagiando gli enti che rappresentano una inaccettabile zavorra per il paese”.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox