fbpx
8 Ottobre 2019

Spendiamo meno e per lo più sul web: ecatombe di piccoli negozi

 

Male, anzi malissimo: gli ultimi dati istat sulle vendite al dettaglio confermano il tracollo dei consumi che colpisce sopratutto i piccoli negozi. L’ istituto nazionale di statistica stima come ad Agosto 2019 le vendite al dettaglio siano diminuite dello 0,6% in valore e in volume. Calano sia le vendite dei beni alimentari (-0,9% in valore e -1,0% in volume) sia quelle dei beni non alimentari (-0,3% in valore e -0,4% in volume). Una inversione di tendenza che preoccupa visto il trend che fino a luglio vedeva una ripresa del commercio. Rispetto ad agosto 2018, la diminuzione del commercio per i piccoli negozi è stimato in mezzo punto percentuale, a fronte del boom del commercio elettronico (+19,4%) e della continua crescita della grande distribuzione (+1,2%). “Non solo rispetto al mese precedente le vendite calano del -0,6%, ma si registra un forte rallentamento anche su base annua, di cui fanno le spese soprattutto i piccoli negozi, a tutto beneficio dell’ e-commerce – spiega il presidente del Codacons Carlo Rienzi. “Una battuta d’ arresto molto pesante per il commercio, che riguarda anche i beni alimentari, con una diminuzione del -0,9% in valore e -1,0% in volume”. “Per i piccoli negozi si registra una vera e propria “ecatombe”, con le vendite che su base annua segnano picchi del -1,3% per gli esercizi fino a 5 addetti, mentre da gennaio gli acquisti, in tale tipologia di negozi, sono calati complessivamente del -1,2% – prosegue il presidente dell’ associazione dei consumatori – Una situazione critica che mette a repentaglio migliaia di posti di lavoro e di cui beneficia solo il commercio online, la cui corsa appare inarrestabile e che ad agosto segna un incremento delle vendite del +19,4% rispetto allo scorso anno”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox