4 Dicembre 2010

Specializzandi: class action per maxi risarcimento

Il tribunale di Roma dà ragione a 75 medici specializzandi che attraverso un’ azione congiunta dei Codacons chiedevano l’ applicazione di una direttiva europea che riconoscesse loro un risarcimento per la mancata applicazione delle norme Comunitarie. E adesso anche 40 medici modenesi – ma forse saranno anche di più -proprio in ragione di questa prima sentenza del tribunale della capitale, tramite il Codacons (che ha riaperto i termini di adesione) farà una "class action". Anche i quaranta modensi possono aspirare ad ottenere dallo Stato un maxi-risarcimento come quello ottenuto dai loro 75 colleghi. La prima sezione civile della Corte d’ Appello di Roma ha infatti riconosciuto che i 75 medici specializzati iscritti alle scuole di specializzazione negli anni anteriori all’ anno accademico 91/92 che avevano fatto ricorso, hanno «diritto ad ottenere risarcimento del danno per mancata applicazione delle direttive comunitarie» in quanto «non può esservi dubbio né sullo scopo della norma inattuata né sulla gravità della violazione, data l’ essenzialità del profilo economico… scevro almeno in parte da preoccupazioni esistenziali». La Presidenza del Consiglio dei ministri è stata condannata a pagare complessivamente 6,5 milioni di euro in favore di 75 medici specializzati che avevano fatto ricorso. «Si tratta di una decisione molto importante – commenta Fabio Galli, presidente di Codacons Modena – che spiana la strada ai risarcimenti in favore di migliaia di medici. Solo per quanto riguarda la nostra città e la nostra provincia, sono già una quarantina i medici che hanno aderito alla nostra iniziativa di "class action" che, in virtù della positiva sentenza per i 75 medici della Corte d’ Appello di Roma, ora il Codacons di Modena, come di tutta Italia, ha deciso di riaprire i termini per il ricorso collettivo dinanzi al Tribunale di Roma avviato dall’ associazione. E’ possibile aderire all’ azione legale, che può essere proposta senza spese ma soltanto con il versamento di due annualità di iscrizione al Codacons per complessive 380 euro, entro il 20 gennaio 2011 seguendo le istruzioni riportate sul sito www.codacons.it.». Alla "class action" potranno partecipare i medici che si sono specializzati negli anni dal 1982 al 1991 e che non hanno percepito circa 40mila euro ciascuno che la Comunità Europea attribuiva loro come diritto, e i medici che hanno frequentato le scuole di specializzazione tra il 1994 ed il 2006, per ottenere le differenze retributive, pari a circa 11mila euro l’ anno, e il versamento dei relativi contributi previdenziali per gli anni di frequenza.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox