9 Settembre 2019

Spaventano i passanti: la macabra sfida del ‘Samara Challenge’ arriva in Romagna

 

Samara avrebbe varcato i confini della Romagna. La macabra ‘challenge’ vede i protagonisti travestirsi come la celebre bimba ‘in bianco’ e con i capelli lunghissimi del film horror ‘The Ring’ , sarebbe stata avvistata anche in giro per la Romagna, secondo quanto denuncia il Codacons regionale. Si tratta di un “gioco”, diventato virale in tutta Italia e che si sta diffondendo attraverso i social, che consiste nello spaventare i passanti e fuggire senza essere presi, travestendosi come la protagonista del famoso film horror, con un abito bianco e una parrucca con lunghi capelli neri a nascondere il volto. “Arriva anche in Emilia Romagna il “Samara challenge”, una moda idiota che non appare né divertente, né sensata e che rischia di creare pericoli per la pubblica incolumità , oltre a richiedere spesso l’ intervento delle forze dell’ ordine – spiega il presidente Carlo Rienzi – Sono state segnalate anche in Emilia Romagna persone, evidentemente dotate di scarsa intelligenza, che girano mascherate come la protagonista del film “The Ring”, spaventando i passanti e provocando la rabbia dei cittadini , che in alcuni casi in diverse città d’ Italia hanno dato vita a vere e proprie retate che non si sono concluse in modo tragico solo grazie all’ intervento di Polizia e Carabinieri”. Prosegue Rienzi: ” Questa nuova moda configura dei veri e propri reati e appare estremamente pericolosa . Si va dal procurato allarme – considerato che spesso queste apparizioni obbligano le forze dell’ ordine ad intervenire su richiesta dei cittadini spaventati – alla molestia e alla violenza privata, passando per il blocco stradale laddove si creino problemi di traffico a seguito degli avvistamenti. Chi gira mascherato, inoltre, rischia di essere aggredito dai passanti e subire serie lesioni fisiche . Per tale motivo il Codacons invita le forze dell’ ordine operanti in Emilia Romagna a identificare chi circola travestito da Samara e denunciare i responsabili alla magistratura, affinché siano perseguiti penalmente per i danni e i pericoli anche potenziali prodotti alla collettività”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox