25 Luglio 2015

Sos inquinamento il Codacons lancia azione risarcitoria

Sos inquinamento il Codacons lancia azione risarcitoria

• Il Codacons lancia un’ azione risarcitoria per gli abitanti di Taranto dopo il rinvio a giudizio per 44 persone e tre società giuridiche nell’ ambito della vicenda Ilva: tutti, spiega l’ associazione, possono chiedere fino a 2.000 euro di danni anche solo per i rischi alla salute corsi. «Si apre definitivamente la strada ai risarcimenti in favore della popolazione danneggiata dallo scandalo ambientale e sanitario di Taranto. Con il processo che prenderà il via il prossimo 20 ottobre – sottolinea il Codacons in una nota – tutti i soggetti danneggiati dall’ Ilva potranno ottenere un risarcimento in denaro. Per questo il Codacons lancia oggi una azione risarcitoria collettiva in favore degli abitanti di Taranto: tutti i residenti potranno costituirsi parte civile nel procedimento, e chiedere un risarcimento danni pari a 2000 euro ciascuno anche in assenza di danni sanitari, per i rischi alla salute corsi e per le conseguenze subite sul fronte ambientale. Chi invece ha contratto patologie riconducibili alla presenza dell’ Ilva, potrà chiedere in giudizio indennizzi di maggiore entità». «Invitiamo tutti i cittadini di Taranto – è l’ appello del Codacons – ad aderire all’ azione collettiva e far valere i propri diritti: è sufficiente inviare una mail all’ indirizzo info@codacons.it per ricevere informazioni ed assistenza». La prima udienza del dibattimento Ambiente svenduto si svolgerà il 20 ottobre in una sede ancora da individuare. Ieri c’ è stato l’ ultimo atto del gup Vilma Gilli con una udienza finalizzata alla formazione del fascicolo.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox