4 Novembre 2001

Soprusi e angherie in ufficio

Soprusi e angherie in ufficio
Impiegato Crias: «Sono mobbizzato»

Un dipendente degli uffici di Catania della Crias, la cassa regionale che finanzia le imprese artigiane, si è rivolto al Centro nazionale antimobbing creato da Codacons e Adusbef per denunciare il comportamento vessatorio subito da un superiore. L`autore dell`esposto ha rivelato ai legali delle due associazioni che il suo diretto responsabile avrebbe fatto di tutto «per svuotare il contenuto del suo lavoro, di grande responsabilità, con l`obiettivo di neutralizzarne le mansioni e procedere alla sostituzione con altri impiegati più compiacenti, in grado di assecondarlo nelle decisioni che riguardano la gestione dell`ente, la distribuzione degli incarichi e la politica del personale». Il dipendente della Crias sarebbe stato escluso da corsi di formazione ed aggiornamento, costretto a prendere ferie in determinati periodi; inoltre, il suo telefono periodicamente sarebbe stato disabilitato, ed il suo armadio, dove custodiva atti e pratiche, aperto e rovistato. Infine, il soggetto ?mobbizzato? si sarebbe ritrovato nel suo ufficio personale che non aveva concordato con la direzione. Insomma, un quadro piuttosto deprimente, a cui si aggiunge che l`interessato solo ora avrebbe trovato il coraggio di rivolgersi a Codacons e Adusbef, poichè in precedenza temeva di aggravare ancor di più la propria situazione.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox