17 Febbraio 2021

Social, il Codacons denuncia TikTok per truffa aggravata

 

ROMA. Il Codacons ha presentato oggi un esposto al Garante per la Privacy e all’Antitrust contro il social network TikTok, chiedendo «l’adozione di misure urgenti tese a tutelare i minori e una maxi-sanzione nei confronti della società valutando il sequestro e l’oscuramento del social network e il coinvolgimento della magistratura laddove dovessero profilarsi ipotesi penalmente rilevanti». Al centro della questione «il mancato rispetto da parte di TikTok delle disposizioni dell’Autorità in tema di minori che accedono al social, e la possibilità per i minori di 13 anni di registrarsi alla piattaforma ricorrendo a semplici sotterfugi», spiega l’associazione. «La scrivente Associazione ritiene che gli impegni presi da TikTok non siano in alcun modo sufficienti a tutelare i minori dalle insidie e dai pericoli che possono trovare sui social network», scrive il Codacons nell’esposto. «I minori che frequentano i social -prosegue il documento- possono essere esposti a contenuti inappropriati o sconvolgenti, come commenti o immagini cattivi, aggressivi, violenti o sessuali. Non secondari sono le ricadute in termini di pubblicità ingannevole o occulta presente sul social, specie nel caso di TikTok in cui si è già contestata l’esistenza anche di clausole vessatorie nei Termini di Servizio che si presentano poco chiari, ambigui e comportano uno squilibrio tra il professionista che fornisce il servizio e gli utenti».

«I rimedi adottati dalla società in attuazione del Provvedimento del Garante – prosegue l’esposto – non sono affatto finalizzati ad una controllabilità certa e sicura del minore che si iscrive o accede sulla piattaforma, in quanto appaiono – proprio come le precedenti procedure – solamente formali e non effettive, né tantomeno efficaci. Ad oggi l’unico rimedio visibile e fruibile per gli utenti ed adottato da TikTok per assolvere all’obbligo di utilizzare un sistema di accertamento dell’età anagrafica dell’utente è quello della richiesta iniziale di inserimento dell’età anagrafica: chiunque, persino un bimbo di sei anni potrebbe mettere una data diversa dalla sua per accedervi».

L’operato di TikTok, argomenta il movimento dei consumatori, «di fatto sembra configurarsi come una sorta di truffa penalmente rilevante ex articolo 640 del codice penale che di fatto si viene a configurare mediante una gravissima elusione di un ben preciso ordine dell’Autorità. Non solo. E’ evidente l’intento di TikTok di continuare ad operare nel mercato dei minori senza adoperarsi in maniera chiara per impedire l’accesso a chi per legge non può accedervi, ma soprattutto mira ad imputare ogni responsabilità all’utente specie minorenne, in palese elusione dell’Ordine dell’Autorità ed in contrasto con la legge che tutela i minori proprio avverso condotte come queste». Per tale motivo il Codacons ha chiesto al Garante della Privacy e all’Antitrust di disporre il sequestro e l’oscuramento del social network, «elevando una maxi-sanzione nei confronti della società per il mancato rispetto delle disposizioni dell’Autorità, e valutando se inoltrare gli atti alla Procura della Repubblica per le valutazioni penali del caso».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox