29 Dicembre 2011

Smog, da oggi partono i divieti Stop ad auto vecchie e botti  

Smog, da oggi partono i divieti Stop ad auto vecchie e botti
 

Più che la tutela di cani e gatti, potè lo smog. Forse. Martedì le polveri sottili hanno superato per il settimo giorno consecutivo la soglia limite; l’ ordinanza comunale – che oggi scatterà in automatico – oltre all’ estensione del divieto di circolazione per le auto più inquinanti, spiega chiaramente che per evitare un’ ulteriore immissione di polveri sottili nell’ aria i «botti» e tutti i fuochi d’ artificio vanno vietati. Una misura di cui, tra ottobre e novembre, nessuno s’ era preoccupato. Ma che ora porta all’ ordine del giorno il «problema Capodanno». Milano festeggerà l’ arrivo del 2012 senza petardi e girandole di luci? A oggi, l’ ordinanza contro l’ emergenza smog firmata dal sindaco Giuliano Pisapia lo scorso 18 ottobre proibisce qualsiasi «gioco pirotecnico» (multa da 500 euro). Tradotto: Capodanno «spento» causa smog (al contrario di Torino che ha vietato i «botti» per la tutela di cani e gatti e di Venezia, a difesa dell’ incolumità pubblica). C’ è però un’ altra possibilità: derogare al regolamento, «liberalizzando» la notte di San Silvestro. Tra oggi e domani saranno il sindaco e la giunta (che si riunisce venerdì) a prendere una decisione. I primi a porre il problema sono stati i rappresentanti del Codacons: «Con i fuochi di artificio il Pm10 sale a oltre i 150 microgrammi per metro cubo ed è ipotizzabile il reato di maltrattamento degli animali. Il sindaco ha il dovere di tutelare la salute dei suoi concittadini, impedendo di raggiungere questi livelli di smog. I botti fanno male alla salute, sia degli esseri umani che degli amici a quattro zampe. Per questo vanno vietati», dichiara Marco Donzelli. Salvare uomini e animali. Una richiesta che arriva anche dal consigliere comunale pd, Carlo Monguzzi, presidente della commissione Mobilità e Ambiente: «È dimostrato che far esplodere petardi e botti provochi terrore tra cani e gatti». Ammissione: «Non vi sono probabilmente tempi e condizioni per fare come Torino, ma si possono sfruttare questi ultimi giorni per forme di informazione e sensibilizzazione». In effetti vietare i fuochi d’ artificio dal 29 dicembre potrebbe suscitare qualche problema, visto che molti milanesi hanno già fatto scorta di razzi. Ma l’ ordinanza 94/2011 parla chiaro: a partire da oggi fermi per tutto il giorno i veicoli (Euro 0-1-2 diesel e benzina Euro 0) e, al comma B, «divieto di uso e di accensione di fuochi di artificio, giochi pirici e pirotecnici, fumogeni, petardi». L’ assessore al Traffico, Pierfrancesco Maran, conferma tutto: «Con le regole in vigore, i botti sono vietati. Per una eventuale deroga servirà un passaggio in giunta». Rebus di fine anno. Milano pirotecnica o tranquilla? Una questione paradossale, per il capogruppo del Pdl in consiglio comunale, Carlo Masseroli: «Come abbassare i finestrini del metrò in caso di caldo o chiudere la porta dei negozi per il risparmio energetico. Siamo al di là del bene e del male». È favorevole al divieto, invece, il capogruppo della Lega, Matteo Salvini: «Per tre anni abbiamo presentato a Letizia Moratti la richiesta di vietare i botti di fine anno. Non siamo mai stati ascoltati. Se Pisapia ci riesce, ha il nostro plauso».  RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox