15 giugno 2017

Sky si riprende la Champions League

In attesa di portare a casa la Serie A per le stagioni dal 2018 al 2021 (il bando dovrà essere rifatto dalla Lega di A) Sky fa il pieno nelle coppe europee. Era chiaro che dopo lo smacco di due anni fa la tv satellitare di Rupert Murdoch avrebbe fatto di tutto per portare via la Champions League e sarà così: dall’ e d i z i one 2018/2019, l’ anno in cui quattro squadre italiane torneranno a giocare la massima competizione europea, e per tre stagioni la più importante coppa europea sarà in esclusiva solo su Sky, con la possibilità che la Rai si aggiudichi una partita in chiaro, mentre Mediaset è fuori anche se la prossima edizione sarà ancora su Premium ed eventualmente sui canali in chiaro del Gruppo. L’ Uefa non ha avuto dubbi ad assegnare i diritti per l’ Italia a Sky sia della Champions League sia dell’ E u r opa League: oltre 200 milioni a stagione solo per la coppa dalle “grandi orecchie”, più quello che Murdoch sborserà per l’ altro torneo europeo garantendosi così tutte le gare delle sette squadre italiane (come darà dal 2018) per un totale di 340 partite dal vivo e sul satellite. Se Sky esulta, Mediaset non fa drammi anche se è un bel colpo: «Abbiamo presentato un’ o fferta più elevata rispetto a quella precedente in ragione della partecipazione al torneo di quattro squadre italiane. Altri operatori hanno invece attribuito alla competizione europea un valore molto più elevato a cui evidentemente è stato aggiunto un maxi -premio extra con l’ obiettivo di ottenere una posizione di dominio sul mercato della pay -tv». Un tema sul quale il Codacons promette battaglia e chiede l’ i n t e rvento dell’ Antitrust per indagare sull’ ipotesi di abuso di posizione dominante rispetto al diritto del consumatore di poter accedere alla visione in chiaro delle coppe. La Rai comunque versando 45/50 milioni a Sky dal 2018 avrà una gara di Champions League in chiaro ogni mercoledì sera, il massimo che i non abbonati a Sky potranno sperare di ottenere. [f. dan.]