11 Maggio 2020

Silvia Romano, esposto Codacons alla Corte dei Conti: “Fare luce su pagamento del presunto riscatto”

 

Sul caso di Silvia Romano e del presunto riscatto pagato per la sua liberazione è intervenuto il Codacons , presentando un esposto alla Corte dei Conti e costituendosi parte offesa in rappresentanza della collettività nella indagine aperta dalla Procura di Roma. “La vicenda presenta molte, troppe zone d’ ombra su cui è necessario fare chiarezza – spiega l’ associazione – Ovviamente salvare i nostri connazionali è un obbligo per lo Stato Italiano , e siamo tutti lieti per la liberazione di Silvia Romano, ma il pagamento di un riscatto in favore dei rapitori potrebbe rappresentare un reato non solo penale ma anche contabile”. Dalle prime dichiarazioni della cooperante sembrerebbe non sussistere la condizione che il codice penale richiede, ossia reale minaccia di morte imminente. Va accertato, secondo il Codacons , poi se la stessa potesse muoversi liberamente nei luoghi dove veniva portata senza che i servizi, pur informati, abbiano mai tentato come fatto altre volte di liberarla, se inoltre la Romano abbia liberamente scelto di abbracciare la religione dei suoi rapitori convertendosi all’ Islam, e se vi fossero i requisiti per il pagamento di un riscatto. In tal senso il Codacons chiede agli inquirenti di interrogare tutti gli agenti dei servizi che hanno trattato coi rapitori. In tale contesto, se confermato, il versamento di denaro in favore dei rapitori rappresenta comunque una pesante sconfitta per lo Stato Italiano, e possibili reati sia penali, che contabili, sui quali ora dovrà fare chiarezza la Corte dei Conti, attraverso un esposto che sarà presentato oggi stesso dal Codacons.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox