6 Maggio 2003

Siglato l`accordo con governo e Ania. L`Intesa non firma: una truffa

Rc-Auto: tariffe fredde, ma per un anno

Siglato l`accordo con governo e Ania. L`Intesa non firma: una truffa



ROMA. Dopo gli aumenti a doppia cifra degli ultimi anni per le tariffe Rc-Auto scatta la stagione dei ribassi. E` questo l`impegno trilaterale assunto stasera da compagnie e parte delle associazioni dei consumatori (non hanno firmato Adoc, Federconsumatori, Adusbef e Codacons) sotto la regia del ministro Marzano. Per i prossimi 12 mesi «le parti convengono su una politica di raffreddamento delle tariffe con l`obiettivo di contenimento dell`inflazione». Nessun blocco e nessuna moratoria, perché la legge lo vieta, ma l`impegno delle imprese a tenere il più possibile basse le tariffe che nel 2002 sono cresciute dell`11,6%.
L`accordo, che non ha la firma dell`Intesa Consumatori, prevede tra l`altro sconti per neopatentati e motorini, per le famiglie, condizioni di favore per i pluriproprietari, velocizzazione dei risarcimenti, l`estensione della procedura Cid ai danni alla persona e il risarcimento per il terzo trasportato da parte della compagnia assicurativa del guidatore. Le compagnie si impegnano a moderare le tariffe, ma senza automatismi, precisa il presidente dell`Ania Fabio Cerchiai: «I prezzi delle polizze auto sono prezzi sensibili che hanno un impatto sociale importante, ma le compagnie non possono praticare prezzi sociali, ma solo industriali». Soddisfatte le associazioni della Coalizione dei consumatori che hanno ottenuto l`impegno del governo a valutare la possibilità di introdurre nell`ordinamento giudiziario la class action e di ripristinare il giudizio secondo equità per i casi individuali. Le agevolazioni decise con l`Ania permetteranno inoltre un beneficio medio per gli automobilisti tra gli 80 e i 350 euro. «E` una vergogna, dopo la legge truffa l`accordo truffa – è stato invece il lapidario commento dell`Intesa prima di abbandonare il tavolo del ministero – ci hanno presentato una minestra riscaldata, una bozza di accordo che era già stata preparata e il ministro ci ha preso in giro. Elio Lannutti ha annunciato che le 4 associazioni si riuniranno per il referendum abrogativo della legge Salva compagnie. Ecco alcuni punti dell`accordo che sarà sottoposto a verifica tra dodici mesi.
Autodisciplina. «Il governo impegna l`Ania ad adottare una politica di raffreddamento della dinamica tariffaria ferma restando la dinamica del bonus malus individuale maturata dagli utenti».
Agevolazioni per i giovani. Le compagnie saranno sensibili ad assumere atteggiamenti che agevolino l`assicurazione Rc-Auto attraverso l`applicazione di sconti o riduzioni per gli assicurati che non provochino sinistri e per i giovani nuovi assicurati.
Agevolazioni ciclomotori. Anche in questo caso sono previsti sconti e riduzioni tariffarie per gli assicurati che non provochino sinistri.
Indennizzi. Risarcimento diretto dei trasportati da parte della impresa assicuratrice del pilota. Questa norma si tradurrà in risarcimenti veloci.
Danno biologico. Entro 6 mesi il governo si impegna ad adottare i provvedimenti.
Estensione procedura Cid. L`Ania s`impegna a estendere la procedura della contestazione amichevole di incidente ai danni alla persone di lieve entità non appena saranno disponibili le valutazione medico legale.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox