28 Giugno 2005

SICCITA?: LA PRIMA CAUSA E? LO SPRECO D?ACQUA

SICCITA?:
LA PRIMA CAUSA E? LO SPRECO D?ACQUA ECCO IL DECALOGO DEL CODACONS PER RIDURRE I CONSUMI ED EVITARE GLI SPRECHI

E? emergenza siccità in Italia. Un?emergenza i cui effetti negativi toccano vari settori, dall?economia, all?agricoltura, all?energia. La prima causa dei problemi legati alla siccità e alla carenza d?acqua, afferma il Codacons, risiede negli sprechi che avvengono prima di tutto all?interno delle abitazioni.

Per questo l?associazione ha elaborato un utile vademecum per consentire di ridurre i consumi superflui e gli sprechi in un periodo d?emergenza come quello attuale, ma anche di limitare le spese delle famiglie.


  1. Chiudiamo il rubinetto mentre facciamo lo shampoo, laviamo i denti, o ci radiamo. Evitare di consumare acqua inutilmente e` la principale fonte di risparmio. Il rubinetto del bagno ha una portata di oltre 10 litri al minuto, se lo lasciamo aperto mentre ci si rade o ci si insapona, più di 30 litri di acqua potabile vanno sprecati ed in più arrivano al depuratore senza che ve ne sia alcun bisogno.


  2. Un rubinetto che gocciola spreca migliaia di litri d`acqua. Da un semplice calcolo emerge che al ritmo di 90 gocce al minuto si sprecano 4.000 litri di acqua in un anno.
    Quindi controlliamo se i rubinetti o la cassetta del water hanno una perdita. A tal proposito, durante la notte mettiamo sotto il rubinetto un piccolo contenitore (senza otturare lo scarico), dopo qualche ora potremo verificare se vi sono anche minime perdite.
    Ricordiamo che una corretta manutenzione dei rubinetti di casa fa risparmiare acqua e denaro.


  3. Utilizzare uno scarico del water che permette di regolare il flusso dell`acqua, consente di risparmiare decine di migliaia di litri l`anno.
    Infatti oltre il 30% dell`acqua che consumiamo nelle nostre case esce dallo scarico del Water ed ogni volta che premiamo quel pulsante scarichiamo circa 10-12 litri di acqua, spesso senza motivo e semplicemente per della carta.
    L`installazione di una cassetta di scarico dotata di doppio tasto, o di un regolatore di flusso, capace di erogare una quantità d`acqua diversa, secondo il bisogno, consente di risparmiare decine di migliaia di litri di acqua in un anno.



  4. Usiamo sempre lavatrice e lavastoviglie a pieno carico. In questo modo si consumeranno meno acqua e meno energia. Gli elettrodomestici sopra indicati consumano molta acqua ad ogni lavaggio (circa 80-120 litri), indipendentemente dal carico di panni e stoviglie. Basta usarli solo quando e` necessario e sempre a pieno carico per avere un notevole risparmio sia di acqua che di energia.



  5. Non laviamo spesso l`auto ed in quelle occasioni usiamo il secchio. Riserviamo all`acqua potabile un destino migliore. Ricordiamo che ad ogni lavaggio si utilizzano circa 100 litri di acqua. Quando e` possibile riduciamo i lavaggi e usiamo sempre il secchio invece dell`acqua corrente, ci consente di sprecare meno.


  6. Alle piante servono molte cure non molta acqua. Innaffia il giardino con parsimonia e sempre verso sera. Al calar del sole l`acqua evapora più lentamente e non viene sprecata ma assorbita dalla terra. Quando e` possibile raccogliamo l`acqua piovana.
    Ricordiamo che vi sono piante per giardino meno assetate (piante xerofile) ed installiamo un sistema di irrigazione “a goccia“ programmabile con il timer, le nostre piante avranno la giusta razione di acqua e anche la bolletta ne trarrà un gran beneficio.


  7. Montare un semplice frangigetto può farci risparmiare fino al 50% di acqua. I frangigetto sono semplici dispositivi che diminuiscono la quantità di acqua in uscita dal rubinetto senza diminuire la resa lavante. Costano solo pochi euro e si possono acquistare in qualsiasi ferramenta, si montano facilmente in pochi minuti sui rubinetti del bagno e della cucina.


  8. Per lavare piatti o verdure riempiamo un contenitore, usiamo l`acqua corrente solo per il risciacquo. Se occorre lavare verdure per preparare il pasto, ricordiamo che un buon lavaggio non si ottiene lasciando scorrere molta acqua, ma riempiendo una bacinella e lasciare in ammollo le verdure e sfregandole abbondantemente ed energicamente con le mani. Allo stesso modo quando si lavano i piatti, riempiamo una bacinella di acqua calda (magari quella della cottura della pasta!) aggiungendo il detersivo. Lasciamo i piatti in ammollo per un po` di tempo e togliamo lo sporco con una spugna.
    L`acqua corrente usiamola solo per il risciacquo. Il risparmio e` assicurato.


  9. Usando la doccia si può risparmiare fino al 75%. Un bel bagno e` di certo rilassante, ma occorrono ben oltre 150 litri di acqua. Proviamo a preferire la doccia, che richiede molta acqua in meno (in media i 40 e i 50 litri) e ricordiamoci di chiudere l`acqua mentre ci insaponiamo.


  10. Controlliamo il contatore a rubinetti chiusi. Una perdita nelle tubature può costare moltissimo.
    Prima di andare a dormire, controlliamo che tutti i rubinetti siano ben chiusi e leggiamo sul contatore dell`acqua il livello di consumo raggiunto. Al mattino controlliamo di nuovo quanto segna il contatore. Una minima differenza significa che c`e` una perdita che non solo spreca acqua inutilmente (un foro di un millimetro in un tubo perde oltre 2.300 litri d`acqua potabile all?anno) ma potrebbe causare danni peggiori alle strutture dell`abitazione danneggiando muri, solai e rivestimenti. Adottando questi piccoli accorgimenti otterremo un grande beneficio anche economico.




Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox