5 Aprile 2016

Si infilano nei cassonetti per recuperare abiti usati

Si infilano nei cassonetti per recuperare abiti usati
sempre più
persone vanno a rovistare, con il rischio di rimanere intrappolate, nei
contenitori. la protesta di berté: se hanno bisogno vadano alla caritas

ROVERETO Rovistare nei cassonetti per la raccolta vestiti è reato. Lo ricorda il consigliere circoscrizionale Daniele Bertè, che punta il dito in particolare sui sinti, che sarebbero a suo dire la fetta di popolazione più abituata a “rifornirsi” in questi cassonetti. Non è poi così raro vedere persone rovistare nei bidoni dedicati alla raccolta vestiti; talvolta queste azzardano manovre assai pericolose, come quella di sporgersi per metà all’ interno del contenitore, con i piedi penzoloni all’ esterno. Finire dentro nel contenitore non sarebbe simpatico: si rischierebbe di rimanere intrappolati, o di farsi seriamente male. «Vorrei segnalare che chi si appropria di beni abbandonati nei cassonetti commette un reato – afferma Daniele Bertè – perché il bene, nel momento in cui viene gettato nel cassonetto, diventa di proprietà comunale e se io lo sottraggo, commetto un furto. C’ è chi si è già fatto avanti, ovvero il Codacons che l’ 8 luglio 2013 depositò addirittura un esposto alla Procura della Repubblica di Roma contro chi rovistava nei cassonetti e contestualmente inviò una diffida al Comune di Roma affinché vigilasse maggiormente in proposito». Per Bertè inoltre questa abitudine a rovistare nei cassonetti è una forma di degrado inaccettabile. «Accettiamo tutte le ordinanze, tutte le sanzioni amministrative o penali ma queste sono sempre rivolte a noi perdio. Vengono fatte verso chi si sa che si può riscuotere il denaro. Si veda parcheggi prima senza orario di sosta e ora con orario di sosta». Il consigliere circoscrizionale attacca in particolare i sinti, che sarebbero secondo lui le persone più abituate a rovistare. «Ai nomadi per il 2015 sono state stanziate molte risorse del bilancio comunale. Se hanno bisogno di un vestito vadano alla Caritas». (m.s.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox