9 Dicembre 2007

SHOPPING SI` ma adagio. Parola del Codacons

SHOPPING SI` ma adagio. Parola del Codacons …

SHOPPING SI` ma adagio. Parola del Codacons che, fatto qualche conto, denuncia rincari in quasi tutti i settori degli acquisti e dei consumi natalizi. La presidente Carla Falcinelli spiega che a risentire dell`inflazione sono stati soprattutto i comparti legati alle feste in arrivo. “Albero e addobbi, per esempio, hanno subìto aumenti del 10-15 per cento ? denuncia la Falcinelli ? tant`è che la maggior parte delle persone contattate dai nostri volontari dichiara che rinuncerà all`abete vero, e si orienterà verso quello sintetico. Stesso discorso per gli addobbi. Sempre più cari“. A RISENTIRE dell`austerity anche il comparto alimentare. “Già due anni fa molti consumatori avevano ristretto i cordoni della borsa, rinunciando a cibi costosi come il tartufo, il pesce e le primizie. Quest`anno risulta che 20 persone su cento dispongono di meno soldi da destinare al cenone o al pranzo natalizio“. ANZIANI E PRECARI. A pagare il dazio più pesante al carovita sono soprattutto le cosiddette fasce “deboli“. E` quanto denunciato dai sindacati dei pensionati (Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp) e dalla Confconsumatori presieduta da Salvatore Lombardi, che in più di un`occasione hanno chiesto all` amministrazione comunale di rivedere le politiche per la casa, la mobilità, le tariffe, l` Ici e i prezzi. “Quella degli anziani (un esercito che nel comune di Perugia recluta circa 35mila abitanti, di cui oltre 8mila non autosufficienti) è un`emergenza che non può più attendere ? ha sottolineato Lombardi ? per questo è necessario convocare un tavolo permanente di confronto, che consenta un rapporto continuo con l`amministrazione“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this