18 Febbraio 2019

Serie A, Sky multata per 7 milioni di euro. Antitrust: “Poca chiarezza, consumatori credevano di poter vedere tutte partite”

è accertata, a parere dell’ antitrust, la violazione di due articoli del codice del consumo: “in assenza di informazioni che veicolassero immediatamente e con la dovuta rilevanza i contenuti dell’ offerta e le limitazioni sul numero di partite disponibili, il potenziale cliente sarebbe potuto facilmente incorrere nell’ errore di ritenere compresa nel pacchetto l’ intera serie a”
L’ Antitrust ha multato Sky Italia per 7 milioni di euro per non aver fornito informazioni chiare e immediate sul contenuto del pacchetto Calcio per la stagione 2018/19. La pubblicità della pay-tv , secondo l’ Autorità per la concorrenza del mercato, lasciava intendere ai potenziali nuovi clienti che abbonandosi sarebbe stato possibile vedere tutte le partite del campionato di Serie A come nel triennio precedente. È quindi accertata, a parere dell’ Antitrust, la violazione di due articoli del Codice del Consumo : il consumatore appassionato di calcio, si legge nel dispositivo, “in assenza di informazioni che veicolassero immediatamente e con la dovuta rilevanza i contenuti dell’ offerta e in particolare le limitazioni sul numero di partite disponibili (7 su 10 per ciascuna giornata di campionato), sarebbe potuto facilmente incorrere nell’ errore di ritenere compreso” nel pacchetto Sky Calcio “l’ intero campionato di calcio di serie A, assumendo così una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso, ossia l’ attivazione dell’ abbonamento a tale servizio per la stagione calcistica 2018/19. Non solo. Alla chiusura dell’ istruttoria – nata dagli esposti delle associazioni dei consumatori Altroconsumo , Codacons, Codici e Udicon – l’ Autorità ha inoltre accertato che Sky ha attuato una pratica aggressiva in quanto ha esercitato “un indebito condizionamento nei confronti dei clienti abbonati al pacchetto Sky Calcio, i quali, a fronte di una rilevante ridefinizione dei suoi contenuti” , ovvero la riduzione del 30% delle partite di serie A e cancellazione dell’ intero torneo di serie B , “non sono stati posti nella condizione di poter assumere liberamente una decisione in merito al mantenimento o meno del pacchetto”. Gli abbonati, infatti, “sono stati costretti a scegliere tra due possibilità, entrambe svantaggiose , ossia la prosecuzione degli addebiti, tra l’ altro in misura invariata, nonostante il contenuto diverso e ridotto del pacchetto rispetto a quello originariamente scelto”, oppure “il recesso dal contratto a titolo oneroso , con il pagamento di penali e/o la perdita di sconti e promozioni connessi alle offerte con vincolo di durata minima”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox