28 Giugno 2001

Secondo e terzo incidente in 24 ore. Il Codacons chiederà i danni

Secondo e terzo incidente in 24 ore. Il Codacons chiederà i danni

Eurostar, fermo ancora il supertreno Il guasto sempre tra Firenze e Bologna

BOLOGNA – Molto sfortunati o molto malandati. Un altro Eurostar si è bloccato a meno di 24 ore di distanza dal guasto del primo che ha causato tante polemiche. E in serata il terzo incidente: ancora un Eurostar, partito da Roma alle 17.10 e diretto a Reggio Calabria, è rimasto bloccato per più di 2 ore dopo la stazione di Nocera Inferiore, nel Salernitano. Ma sono i primi due episodi a determinare una coincidenza che ha dell?incredibile. Stesso problema (la rottura di una locomotrice), stesso luogo, stesse scene o quasi. La locomotiva del convoglio 9446 ha dato forfait ieri pomeriggio a Vernio, proprio nello stesso tratto sull?Appennino fra Toscana ed Emilia, dove martedì si era fermato il suo gemello.

C?è forse qualcosa che non va nei treni più pubblicizzati delle Ferrovie? Anche sabato scorso, si è saputo, un Eurostar non era riuscito ad andare avanti a Pianoro, poco prima della stazione di Bologna. Solo dopo un paio d?ore i passeggeri erano riusciti a raggiungere a piedi la stazioncina abbandonata di Pianoro vecchio e sfondare alcune porte per entrare nel ristorante e nei bagni.
Ieri l?Eurostar è partito regolarmente dalla stazione di Roma alle 16.30. Era atteso a Milano alle 21. Ma si è arrestato nei pressi di Vernio vicino a Prato alle 19.10. Stesso copione del giorno prima: finestrini chiusi ermeticamente, aria condizionata sparita. Stavolta però il personale delle Ferrovie ha fatto scendere i passeggeri per prendere aria. La sosta non è durata cinque ore, come la sera prima, ma mezz?ora. Il tempo di far arrivare un altro treno e trasbordare gli oltre 500 passeggeri.

Il personale della stazione non credeva ai propri occhi: dopo le ambulanze della sera prima, la gente fuori di sé, gli attacchi di panico e le crisi isteriche, si sono visti affollare i binari della stazione di altri passeggeri furibondi. «Si è capito immediatamente che qualcosa non funzionava – ha raccontato chi era a bordo – dopo la partenza dalla stazione di Firenze di Santa Maria Novella il treno faceva un rumore poco incoraggiante, era chiaro che c?era un guasto. Non capiamo perché non si è provveduto a cambiare la locomotiva prima della parte più impegnativa del percorso».
Il Codacons, associazione di consumatori, citerà per danni le Fs: «Sarà chiesto al tribunale di Prato di accertare le responsabilità dell?incidente dell?Eurostar rimasto fermo martedì sulla linea Firenze-Bologna con centinaia di passeggeri». L?associazione chiederà al giudice «la condanna delle Ferrovie per danno punitivo, commisurato al bilancio della società interessata, come succede in America».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this