24 Febbraio 2021

Se le varianti “chiudono” le scuole il Tar Puglia le riapre

 

Scuola e caos, regioni e Tar, governatori e sentenze: le certezze non sono certe, come quelle relative al Covid e alle sue varianti che col loro mutare stravolgono pure quanto prima sembrava chiaro. E così se un presidente di regione decide di sospendere le lezioni per un pericolo di recrudescenza di contagi o per vaccinare il personale scolastico ecco il Tar che decide al contrario e intima di riaprirle.

È accaduto in Puglia, dove il governatore Michele Emiliano nei giorni scorsi aveva mandato tutti gli studenti a casa con la didattica a distanza mentre da sabato sono partite nella regione le vaccinazioni al personale scolastico: tutto normale? Pare di no, perché una ordinanza del Tar ha sospeso l’ordinanza regionale accogliendo l’istanza cautelare del ricorso presentato dal Codacons Lecce e da un gruppo di genitori di alunni.
Icotea

Le Regioni – fa notare il Tar – possono «introdurre misure derogatorie più restrittive rispetto a quelle disposte dal Governo nazionale, ma tali misure devono essere provvisorie e ragionevolmente coerenti con la classificazione del livello di gravità dell’emergenza in ambito regionale».

E il Codacons di Lecce, fa sapere: “Già a partire da domani gli studenti pugliesi potranno riprendere la didattica in presenza in applicazione delle norme del Dpcm per le zone gialle».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox