fbpx
19 Gennaio 2015

«Scusate, ma noi non siamo responsabili del rapimento»

«Scusate, ma noi non siamo responsabili del rapimento»

Marco Presti MILANO Adesso Vanessa e Greta cercano un po’ di tranquillità, anche se le polemiche sul pagamento di un riscatto per liberarle dai loro sequestratori in Siria, dove sono state prigioniere dal 31 luglio a giovedì scorso, non accennano a placarsi. Greta Ramelli, appena arrivata a casa a Gavirate, nel Vare sotto, aveva «chiesto scusa». Ieri lo ha fatto anche Vanessa Marzullo, da Verdello in provincia di Bergamo. «Ovvio che abbiamo chiesto scusa – ha detto la ragazza, di origini cosentine -. Greta ha detto le parole perfette: ci dispiace per il dolore che abbiamo causato». Però, ed è un però importante che ri sponde a tante critiche sulla loro decisione di andare come cooperanti nella Siria dilaniata dalla guerra civile, «non siamo responsabili del nostro rapimento. Siamo state chiuse per cinque mesi e mezzo» in vari rifugi. Nei primi tempi, ha raccontato, ci sono state minacce di morte. E anche se non hanno subito violenze, la paura di non farcela c’ era. Per questo c’ è qualcosa che non rifarebbe. Anche se non dice cosa. Nella prigionia «l’ unico conforto» è stato essere insieme. «Ci siamo supportate a vicenda», ha aggiunto Greta, che ha passato la nottata a parlare con il fratello e ieri è stata con parenti e amici. «Dal primo secondo all’ ultimo – ha raccontato Vanessa – eravamo mano nella mano». Da quando hanno lasciato Roma, le due ragazze non si sono più viste «ed è difficile stare lontano». Si sono sentite al telefono per la buona notte. Non si sa se hanno parlato dei titoli di giornali, delle dichiarazioni, di chi si scandalizza per l’ eventuale riscatto, delle illazioni – «da ridere» secondo papà Salvatore – sui loro presunti rapporti con i terroristi. A proposito di riscatto, il Codacons ha presentato un esposto alla Corte dei Conti, perché accerti se c’ è stato un danno erariale. E il presidente della commissione Difesa del Senato, Nicola Latorre (Pd), ha proposto per chi va nelle zone di guerra un via libera preventivo da parte delle autorità italiane, altrimenti si potrebbero prevedere delle sanzioni. A difendere le due cooperanti è stata Laura Boldrini, che prima di essere eletta presidente della Camera era stata portavoce dell’ alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati. «Ritengo che ci siano alcune polemiche veramente inaccettabili, insopportabili e non degne di considerazione -ha detto – . La solidarietà è un valore fondante anche nella nostra Costituzione». Secondo la presidente della Camera, «bisogna apprezzare lo slancio» di Greta e Vanessa anche se in contesti difficili «bisogna essere prudenti, bisogna avvertire le autorità dell’ ambasciata, bisogna sapersi muovere». «Ma in passato – ha aggiunto – si è visto come anche le persone più esperte possono essere oggetto di sequestro». E per salvarle si paga un riscatto. A ricordarlo è stato il de putato Ncd Fabrizio Cicchitto. «Anche il governo Berlusconi fece gli stessi tipi di interventi per salvare Luciana Sgrena, e Calipari morì per questo, e le due Simona, quindi – ha osservato – su questo terreno le polemiche di parte sono inaccettabile esercizio di ipocrisia, se si pensa a come erano formati e quali maggioranze avevano i governi Berlusconi». Per ora, le due giovani non hanno alcuna intenzione di tornare in Siria: «Continueremo ad aiutare da qua – ha detto Vanessa -. Non dimentichiamo che c’ è un massacro in corso». «Non ci arrendiamo – le ha fatto eco Greta -purtroppo le cose sono andate così ma il bene va fatto e le ingiustizie vanno combattute».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox