29 Luglio 2011

Scuole, sulle telecamere il Codacons frena

Scuole, sulle telecamere il Codacons frena
 

Dissente dall’ installazione delle 93 telecamere presso le scuole del Centro studi, dopo la protesta degli studenti, anche il Codacons di Udine. Convince poco la spesa affrontata per il nuovo impianto di videosorveglianza rispetto ai benefici possibili. «Considerate l’ entità della somma – spiega il presidente regionale dell’ associazione a difesa dei consumatori, Vitto Claut -, gravante sulla collettività dei cittadini, e l’ eccezionalità degli importi (circa un milione di euro) indicati dalla Provincia per rispondere ai danni causati da atti vandalici avvenuti negli ultimi 4 anni, chiediamo di ottenere nel dettaglio un riepilogo delle voci di spesa relativi a danneggiamenti e imbrattamenti e di poter accedere alla documentazione delle spese, per effettuare una verifica su opportunità e legittimità del costo dell’ installazione». Pur non prendendo posizione rispetto alla protesta del Movimento studentesco, dunque, il Codacons ritiene utile destinare tali cifre a lavori più urgenti. «Se poi si tratta di prevenire il bullismo – continua Claut – hanno ragione i ragazzi: purtroppo episodi di prepotenza avvengono principalmente all’ interno delle scuole, in aula e nei corridoi. Dubito che le videocamere scoraggino tale fenomeno».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox