19 Novembre 2020

Scuole: Codacons Lecce, Regione non poteva chiuderle

 

(ANSA) – BARI, 19 NOV – “Le scuole di Puglia restano aperte e non potevano essere chiuse”. Lo dichiara in una nota il Codacons Lecce, ricorrente dinanzi al Tar insieme con un gruppo di genitori contro l’ordinanza della Regione che a fine ottobre aveva sospeso la didattica in presenza in favore della didattica a distanza per tutte le scuole, eccetto quelle dell’infanzia. Il Codacons ritiene che i giudici amministrativi, che oggi hanno dichiarato improcedibile la loro domanda cautelare, hanno “accolto di fatto il primo motivo del ricorso”, spiegando che “l’ordinanza 407 della Regione Puglia non esiste nell’ordinamento. Il Tar di Bari nel dichiarare l’improcedibilità della richiesta cautelare ha confermato come l’ordinanza di fatto non c’è più perché in contrasto con il Dpcm del 3 novembre”. “Il Codacons – prosegue la nota – non può che essere soddisfatto del risultato raggiunto: le scuole di Puglia restano aperte con facoltà dei genitori di scegliere tra didattica integrata e presenza a scuola”. “Pur non condividendo la seconda ordinanza 413 della Regione Puglia, poiché intrisa di posizioni giuridicamente inaccettabili – aggiunge – , esprime la propria soddisfazione per l’importante risultato raggiunto perché consente che le scuole restino aperte e consente ai bambini una serena partecipazione in presenza delle lezioni”. “Ancora una volta – dicono i legali del Codacons Lecce, gli avvocati Antonio Carpentieri e Cristian Marchello – il Tar con una attenta e ponderata valutazione si dimostra dalla parte dei cittadini contro una politica urlata, demagogica e priva di senso”. “Alla luce della odierna decisione del Tar – conclude la nota – , il Codacons di Lecce valuterà le ulteriori iniziative a tutela e in difesa dei diritti degli studenti e dei cittadini salentini e pugliesi”. (ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this