28 Ottobre 2011

SCUOLA:TAR,MINISTERO DIA ATTI PERFEZIONAMENTO PIANO EDILIZIA  

SCUOLA:TAR,MINISTERO DIA ATTI PERFEZIONAMENTO PIANO EDILIZIA
CODACONS, C’E’ VOLUTA CLASS ACTION CONTRO CLASSI POLLAIO

(ANSA) – ROMA, 28 OTT – Entro dieci giorni il ministero dell’Istruzione dovrà depositare tutta la documentazione relativa al perfezionamento del Piano di riqualificazione dell’edilizia scolastica. L’ordine arriva dalla III sezione bis del Tar del Lazio sollecitata dal Codacons nell’ambito della class action avviata contro le “classi-pollaio”. La decisione è stata presa dalla III sezione bis del Tar del Lazio, presieduta da Evasio Speranza. Il Tar, a inizio anno, aveva accolto il ricorso del Codacons sottolineando come a quella data “il Piano – si leggeva nella sentenza – non è stato ancora adottato”, ritenendo “evidente che l’inerzia si sia già protratta ampiamente oltre il limite di legge”, e ordinando al ministero dell’Istruzione, di concerto col ministero dell’Economia, di emanarlo entro 120 giorni. A distanza di quasi un anno, il Codacons si è rivolto nuovamente al tribunale amministrativo chiedendo di dare esecuzione a quella sentenza. Il giudici, prima di decidere, hanno ritenuto necessario ordinare il deposito entro 10 giorni: “del decreto interministeriale ‘Piano Generale di Riqualificazione’ con estremi, data, sottoscrizione dei due Ministri, pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, registrazione della Corte dei Conti e allegati; dell’atto di controllo dell’Ufficio centrale di Bilancio del Miur; e del termine temporale per la formazione dei piani esecutivi”. Prossima udienza, il 24 novembre. “Siamo soddisfatti per la decisione del Tar che accoglie in pieno le nostre tesi – ha commentato il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – C’é voluta una class action per obbligare i Ministri Gelmini e Tremonti a mettere in campo quelle misure di sicurezza nelle scuole che, alla luce degli accadimenti di questi giorni, appaiono quanto mai indispensabili a garantire l’incolumità di studenti, docenti e personale scolastico. La decisione è altresì importante per tutti i cittadini, perché conferma il successo della prima class action contro la pubblica amministrazione avviata dal Codacons”. (ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox