26 Maggio 2011

Scuola, il tribunale di Livorno accoglie i ricorsi dei prof precari

Scuola, il tribunale di Livorno accoglie i ricorsi dei prof precari
 

Il Tribunale del Lavoro di Livorno, accogliendo il ricorso di alcuni docenti precari "ha convertito i loro contratti di lavoro a termine, in contratti di lavoro a tempo indeterminato. Il giudice ha condannato inoltre il ministero dell’ Istruzione al pagamento delle somme calcolate sulla base delle differenze retributive tra quanto realmente percepito e quanto, invece, gli sarebbe spettato". Lo rende noto il Codacons secondo il quale questa sentenza "segna una sconfitta su tutti i fronti per il ministro Mariastella Gelmini". Il ministero – osserva – "oltre ad avere l’ obbligo di inquadrare i ricorrenti come lavoratori subordinati a tutti gli effetti, sarà costretta a versargli tutto quanto gli sarebbe spettato fin dalla sottoscrizione del primo contratto a termine: indennità di servizio, malattie, ferie pagate, ecc". "E’ la prima pronuncia che riconosce per il personale precario della Scuola la sacrosanta immissione a ruolo. Quanto sancito a Livorno va addirittura oltre – fa notare l’ associazione di consumatori – quanto stabilito dal Tribunale del Lavoro di Genova che di recente ha condannato il ministero dell’ Istruzione al solo risarcimento in favore di 15 lavoratori a tempo determinato per una cifra pari 30.000 euro (ovvero pari a 15 mensilità)". "Tempi duri per il Ministro Gelmini – continua l’ associazione – infatti, d’ ora in avanti, grazie a questo che è a tutti gli effetti un precedente giurisprudenziale favorevole, tutti i precari della scuola, che si saranno attivati tempestivamente per mettere in mora il ministero ed il Provveditorato agli Studi competente, avranno finalmente la possibilità concreta di ottenere l’ inquadramento come lavoratori subordinati a tempo indeterminato". Il Codacons invita tutti i precari della scuola ad aderire all’ azione legale avviata dall’ associazione.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this