12 Settembre 2010

SCUOLA: CONTRO CARO-LIBRI ANCHE IL ‘FAI DA TE’ /ANSA

 
 
FAMIGLIE RICORRONO A USATO; FINO A 900 EURO PER TESTI E CORREDO

           
            (ANSA) – ROMA, 12 SET – C’é chi si è messo per tempo a
cercare nei mercatini i libri usati, chi ha aspettato sconti o
kit in offerta, chi ha optato per la più economica grande
distribuzione e pure chi si è affidato al "fai da te". Il
progetto "Bookinprogress’ – libri di testo scritti direttamente
dai docenti e stampati a scuola – lanciato nel 2009 dall’Itis
Majorana di Brindisi è stato, infatti, esportato in 14 istituti
di tutta Italia arrivando quest’anno anche a Busto Arsizio nel
Varesotto. Appena cinque euro a libro, con un risparmi medio per
le famiglie di 300 euro. Un escamotage molto apprezzato
considerando i prezzi in circolazione.  
   Per l’acquisto di diari, quaderni, zaini e libri il conto
finale può superare anche i 900 euro a famiglia, secondo le
stime di Federconsumatori e dell’Adusbef. L’aumento è in media
del 4%, ossia di 36,70 euro in più rispetto all’anno scorso.
Un’altra associazione dei consumatori, il Codacons, ipotizza
invece un aumento del 6% per le spese scolastiche.
   Sui libri di testo, il ministero dell’Istruzione ha
assicurato che non ci sono stati aumenti (i prezzi di copertina
sono stati bloccati) annunciando che, come di consueto, sono
stati attivati i controlli in tutta Italia. Più difficile è
però tenere a freno i rincari di vocabolari, atlanti e
soprattutto dei "testi consigliati" dai prof agli studenti che
spesso diventano veri e propri libri di testo ‘mascherati’.
    Da Federconsumatori e Adusbef, due i consigli per le
famiglie: non avere fretta e ricorrere alle offerte.
   La spesa più alta riguarda i libri delle superiori (circa
450 euro per famiglia) e i prodotti firmati.
Specie per quest’ultimi, vale il consiglio di non avere fretta
così da poter risparmiare fino al 20-30%. E’, infatti, utile
confrontare con attenzione i prezzi e informarsi per poter
usufruire delle offerte. Dai kit scuola (zaino, astuccio e
diario) a partire da 29 euro, all’ opportunità di ottenere
sconti "rottamando" lo zaino dell’anno precedente. Ma ci sono
librerie che "rottamano" pure i vocabolari.
   Alla spesa iniziale, vanno aggiunti i costi da sostenere
durante l’anno per i ricambi del materiale didattico (come
quaderni, album da disegno, penne, matite, colori, quando non
anche carta igienica e rotoloni di carta). Per il corredo,
quindi, la spesa può arrivare anche a 450 euro (+3%).
   L’Osservatorio Codici ha monitorato i costi dei prodotti
proposti dai volantini di alcuni grandi ipermercati, che
propongono le confezioni maxi perché più convenienti,
soprattutto per le famiglie con due o più figli a carico.
    Uno zaino degli ultimi personaggi proposti da serie tv e
cartoni animati come Winx, Dragon Ball, Ben 10, Il Mondo di
Patty parte da un minimo di 27,50 euro per arrivare a 35.
Ovviamente in coordinato ci sarebbero gli astucci al costo di
circa 14 euro, ma qualcuno sfiora i 25. Arriviamo alle firme da
Hello Kitty a Seven, Invicta e Lonsdale: i prezzi oscillano dai
40 euro ai 60 euro circa ai quali occorre aggiungere il costo
degli astucci che partono dai 16,90 euro. A questi possono
essere poi abbinati quaderni e diari: per i primi si spende
circa 2 euro l’uno mentre per i secondi si parte da un minimo di
8 euro arrivando a 17.
   Per il resto del materiale, una confezione di 10 penne può
arrivare a costare dai 3 ai 4 euro circa mentre una di matite
circa 2,50 euro. L’indagine di Codici ha riguardato prodotti di
medio-alta qualità, ma non è escluso trovare qualcosa di meno
caro. Per le scuole elementari e medie i ragazzi hanno bisogno
di molte altre cose: una confezione di 24 pastelli costa circa
4,50 euro, 24 pennarelli si aggirano sui 2 euro, 24 tempere
circa 10 euro, un album da disegno costa 1,80 euro, per una
confezione di gomme da cancellare si spende 1,50 euro e poi
ancora circa 3 euro per gli strumenti di disegno tecnico, 8 euro
per un compasso di medio-alta qualità, 2,50 euro per una
cartellina 3 lembi, 2,50 circa per una confezione di colla, 4,50
euro per una valigetta da disegno, 2,70 euro per una confezione
di correttori a penna. E sommando sommando si può arrivare a
cifre da capogiro. (ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox