23 Luglio 2011

Scuola, assunzioni dal governo per Codacons “solo una bufala”

Scuola, assunzioni dal governo per Codacons «solo una bufala»
 

Per il Codacons è una bufala o quasi la notizia di questi giorni che parla di 67mila assunzioni nel mondo della scuola. «Sicuramente – dice Nicola Basilico- rivolgendosi all’ esercito di precari – avrete avuto notizia dell’ accordo, o per lo meno del raggiungimento di un’ intesa di massima, tra governo e sindacati di categoria, per stabilizzare contrattualmente 67mila precari in un triennio, a partire (addirittura) dal prossimo anno scolastico. Finalmente un’ iniziativa lodevole da parte del ministro Gelmini, ma come mai solo ora? A questo repentino cambio di rotta potranno credere (e cercare di convincere anche voi) le associazioni di categoria e i sindacati cofirmatari dell’ accordo, ma non noi. Abbiamo il dovere, infatti, nel vostro interesse, e di coloro che hanno scelto di aderire ai nostri ricorsi, di andarci con i piedi di piombo». Il rappresentante del Codacons invita ad alcune riflessioni: «Innanzitutto, è un’ informazione falsa quella secondo cui i posti vacanti nella scuola nel prossimo triennio sono in tutto 67mila! Infatti, ben 30 mila all’ anno sono i pensionamenti. E che ne sarà degli altri 90 mila posti vacanti? Perché il Miur, ancora una volta, sotto stima quelle che saranno le carenze di organico? Ve lo diciamo noi, perché i posti che rimarranno vuoti saranno coperti da altri precari come voi. In secondo luogo, vorremmo invitarvi a riflettere sul fatto che, per far sì che l’ accordo venga attuato già dall’ anno scolastico 2011-2012, entro il 31 luglio dovrebbe essere tutto pronto. Vi sembra possibile? Il ministro Gelmini ha già messo le mani avanti, facendo slittare le scadenze di un mese. Forse si è cominciato a rendere conto che sarà un’ impresa, perché gli uffici scolastici regionali a cui competono le operazioni della distribuzione degli incarichi non hanno di sicuro il tempo necessario per rispondere a questa esigenza, in un periodo dell’ anno in cui, si sa, gli uffici si svuotano perché la gente va in ferie». Per il Codacons la spiegazione è che «dopo le decine di sconfitte giudiziarie raccolte nell’ ultimo anno, le 40mila diffide inviate da voi su nostro invito e le migliaia di adesioni già raccolte per i nostri ricorsi dinanzi al giudice del lavoro, stanno solo cercando di calmare le acque per passare un’ estate tranquilla».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox