10 Aprile 2008

Scorte Usa in calo, barile sopra 112 dollari10

Scorte Usa in calo, barile sopra 112 dollari

Continua la corsa del greggio. Complice il dato sulle scorte Usa – che hanno registrato un calo inatteso di 3,15 milioni di barili – ieri a New York il barile ha aperto d`impeto: scambi a 108 dollari. Nel corso della giornata le quotazioni hanno raggiunto quota 112,21 dollari, nuovo massimo storico. Caldo anche il listino europeo: a Londra il Brent ha toccato a sua volta il nuovo primato, toccando i 109,50 dollari al barile. Così è chiaro che i rincari registrati ieri nei distributori di benzina italiani non saranno gli ultimi. Dopo i rialzi decisi ieri dall`Agip, oggi anche le altre compagnie hanno rivisto al rialzo i listini dei prezzi consigliati ai gestori. La verde si porta così, per tutti i marchi, a ridosso di 1,40 euro al litro, mentre il diesel sfiora quota 1,37 euro. In base agli aggiornamenti di Quotidiano Energia, gli aumenti scattati ieri sono nell`ordine di 1-1,5 centesimi al litro per la benzina e arrivano fino a 2 centesimi al litro per il gasolio. Al momento i prezzi beneficiano del taglio fiscale temporaneo deciso del governo, uno sconto di 2 centesimi al litro per entrambi i carburanti. Al netto del bonus, benzina e gasolio avrebbero già superato i livelli record toccati prima di Pasqua. I consumatori del Codacons chiedono al prossimo Governo altri sgravi fiscali. Federconsumatori torna a parlare di “speculazioni sulle tasche degli italiani“, ribadendo la necessità di un intervento energico di liberalizzazione. Dopo il distributore, infine, toccherà alla tavola: Coldiretti fa sapere che l`aumento dei prezzi delle materie prime e del petrolio spinge verso l`alto i costi di produzione degli alimenti che fanno segnare un aumento medio del 9% per le imprese in agricoltura con incrementi record per l`attività di allevamento e la coltivazione dei cereali come frumento, mais e riso. Oltre all`aumento dei costi per il movimento delle macchine come i trattori, il caro petrolio colpisce sopratutto le attività agricole che utilizzano il carburante per il riscaldamento di serre e stalle.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox