17 Giugno 2002

SCOOTER: CON L?ARRIVO DELL?ESTATE IL 25% DEI RAGAZZI NON METTERA? IL CASCO

    IL CALDO RAPPRESENTA UN DETERRENTE ALL?USO DEL CASCO E FARA? AUMENTARE IL NUMERO DI FERITI SULLE STRADE. AL SUD LA MAGLIA NERA IL CODACONS CHIEDE SANZIONI PIU? SEVERE PER I TRASGRESSORI: CONFISCA DEL MEZZO E AUMENTO DELLA POLIZZA ASSICURATIVA ANCHE PER ALTRI CONTRATTI








    Un sentimento di odio-amore quello che gli italiani nutrono per il casco. Se è vero che il suo uso ha ridotto del 40% gli arrivi al pronto soccorso e del 75% le lesioni al viso dovute agli incidenti stradali, mentre i ricoverati in neurologia e neurochirurgia sono diminuiti dell`80% e si sono ridotte del 35% le lesioni più gravi, è altrettanto vero che in molti non riescono proprio ad indossarlo. Le statistiche, infatti, affermano che al nord e al centro lo indossa il 90% dei motociclisti, mentre la percentuale scende ad un drastico 60% al sud.

    Percentuali destinate a scendere ulteriormente con l?arrivo dell?estate, sostiene il CODACONS.
    Molti motociclisti, infatti, con l?arrivo del caldo rifiuteranno di indossare il casco, che non contribuisce certo a dar refrigerio durante gli spostamenti per le città e in mezzo ad afa e smog, ma che anzi è fonte di ?calura?. E così, secondo le stime del CODACONS, al sud il 25% di coloro che lo indossano cambierà idea, facendo scendere la percentuale di motociclisti col casco al 35%, complice anche la negligenza delle forze dell?ordine che, come dimostrato anche da Striscia la Notizia, non riescono proprio ad elevare le contravvenzioni. Leggermente meglio al nord e al centro, invece, dove una percentuale compresa tra il 10 e il 15% di coloro che guidano scooter si asterrà dall?indossare il casco causa ?caldo eccessivo?.

    Il CODACONS, inoltre, prevede un incremento del numero di incidenti con protagonisti i motorini, nonché un aumento del numero di feriti sulle strade. I primi sono dovuti al fatto che molti cittadini, proprio per le alte temperature, saranno spinti ad utilizzare i mezzi a due ruote anziché le automobili; i secondi dovuti invece al fatto che per il caldo molti ragazzi ? e non ? non indosseranno il casco sulle strade, facendo crescere contusioni, lesioni e fratture varie.

    Il CODACONS lancia l?allarme e chiede sanzioni più severe per i trasgressori. Innanzitutto l?associazione, sulla stessa linea del capo dei vigili urbani di Napoli, Schettini, chiede di estendere la proposta di togliere la patria potestà ai genitori che portano i figli senza casco sugli scooter, a tutte le città d?Italia. Il CODACONS ritiene poi necessario punire chi non indossa il casco con la confisca definitiva del mezzo e con un aumento considerevole della polizza assicurativa, anche per i contratti che stipulerà successivamente e per altri mezzi. Quest?ultima soluzione, sostiene il CODACONS, consentirebbe anche di ridurre le tariffe rc auto a carico della collettività, equilibrando i prezzi con il maggior introito derivante dall?aumento delle polizze per chi non indossa il casco.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox