21 Novembre 2022

SCONTO SU CARBURANTI SCENDE DA 30,5 A 18,3 CENTS. CODACONS: DECISIONE ASSURDA, SOLO PER COSTI DIRETTI SU RIFORNIMENTI +146 EURO ANNUI A FAMIGLIA

    RIDUZIONE TAGLIO PORTERA’ AD INCREMENTO DEI PREZZI AL DETTAGLIO CON EFFETTI DIRETTI SU INFLAZIONE

    Totalmente contrario il Codacons all’ipotesi di ridurre il taglio delle accise sui carburanti dagli attuali 30,5 centesimi di euro a 18,3 centesimi di euro.
    “Si tratta di una misura assurda che avrà effetti diretti e indiretti pesantissimi sulle tasche degli italiani – spiega il presidente Carlo Rienzi – In primo luogo la riduzione del taglio delle accise provocherà un rialzo immediato dei prezzi di benzina e gasolio alla pompa di 12,2 centesimi al litro e una maggiore spesa pari a +6,1 euro a pieno, +146 euro annui a famiglia ipotizzando due pieni mensili di carburante, conto che sale al crescere dell’utilizzo dell’automobile da parte dei cittadini. In secondo luogo, fatto ancora più grave, l’abbassamento del taglio dell’accisa produrrà pesanti effetti indiretti, con un aumento dei prezzi al dettaglio per i beni trasportati, considerato che l’85% delle merce in Italia viaggia su gomma. Ci saranno quindi conseguenze negative sull’inflazione, in un momento in cui i listini al dettaglio andrebbero calmierati” – conclude Rienzi.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox