fbpx
16 Giugno 2002

Sciopero farmacie

Pedofilia e satanismo,
patria potestà sospesa
a uno dei 16 indagati

Da domani le farmacie di Napoli e provincia entrano in «sciopero»: medicinali solo a pagamento fino al 31 agosto (ben 76 giorni). Dalle associazioni consumatori un appello al Capo dello Stato, affinché intervenga per scongiurare una protesta che avrà ripercussioni pesantissime sull?utenza, soprattutto per le fasce più deboli. I farmacisti rivendicano il pagamento dei crediti dalla Regione: 1850 miliardi delle vecchie lire, a tanto ammonta il credito della categoria. Il Codacons annuncia: in caso di mancato rimborso ci sarà il ricorso al giudice di pace. Istituita una linea diretta con gli utenti e pronti i moduli per la richiesta di ?risarcimento? per la mancata assistenza. Il risultato dell?ultimo sciopero, nel novembre scorso, portò ad un risparmio di 80 miliardi di lire per le casse regionali. E Giuseppe Del Barone, presidente dei medici di base, rivela: in 7 giorni il numero delle ricette ha coperto una spesa pari a un mese di sciopero.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox