fbpx
29 Settembre 2019

Schianto dopo la discoteca, muoiono tre ragazzi 20enni: il loro amico guidava ubriaco

tragedia della notte nel ferrarese, l’ auto esce di strada e sbatte contro un albero. sindaco: sarà lutto cittadino
FERRARA. Si chiamavano Giulio Nali, 28 anni di Occhiobello in provincia di Rovigo, Manuel Signorini, 23 anni di Salara, sempre nel Rovigiano, e Miriam Ber selli, 21enne di Ferrara: i tre (nella foto) lavoravano tutti insieme in un supermercato di Ferrara. La scorsa notte tornavano dopo una serata trascorsa in discoteca. A guidare la vettura un loro amico di 24 anni: ha perso il controllo dell’ autoveicolo andando a schiantarsi contro un albero. L’ impatto 8 stato violentissimo: i tre colleghi di lavoro sono tutti morti, quello al volante 8 rimasto ferito. La tragedia nella notte a Vigarano Mainarda, poco distante da Ferrara. Il 24enne al volante di una Mazda bianca, invece, 8 stato trasportato in ospedale ancora cosciente. Lo schianto 8 avvenuto alle 2,15 della notte scorsa, in via Cento a Vigarano Mainarda. Secondo quanto emerso dagli accertamenti fatti sul posto dai carabinieri di Ferrara, il giovane alla guida aveva un tasso alcolemico pari a 1,30, quasi tre volte superiore al limite consentito. Ferito in codice rosso, ma sempre cosciente, il ragazzo era ubriaco: questo, insieme alla velocità sostenuta e all’ asfalto umido, lo avrebbe fatto uscire di strada una prima volta per poi farlo schiantare contro l’ albero una volta riuscito a immettersi nuovamente sulla corsia. I tre amici che erano con lui sono morti sul colpo, incastrati tra le lamiere dalle quali i vigili del fuoco li hanno liberati dopo ore. LUTTO CITTADINO PER I FUNERALI. «Sto proponendo il lutto cittadino al consiglio comunale per la morte dei tre ragazzi» ha dichiarato Barbara Paron, sindaco di Vigarano Mainarda. «Di fronte a un lutto così grande credo che il silenzio sia più che dovuto, sono vicina alle famiglie dei ragazzi e rispetto il loro dolore. Da parte nostra, a Vigarano – aggiunge – stiamo lavorando ad una iniziativa per la giornata internazionale degli incidenti su strada perché, se 8 vero che le istituzioni devono fare la loro parte per scongiurare queste tragedie utilizzando le risorse che il bilancio ci permette di investire, vanno anche sensibilizzati gli automobilisti sulle cause degli incidenti. Serve un grande lavoro di sensibilità rispetto al codice strada, lavorare sulla cultura del rispetto delle norme». L’ ALLARME DEL CODA CONS. «L’ ennesima tragedia dopo una serata in discoteca evidenzia ancora una volta come sia indispensabile incrementare i controlli sulla sicurezza stradale, spe cie nei luoghi della movida frequentati dai giovani» afferma il Codacons. «Il numero di giovani che perdono la vita in Italia dopo una serata in discoteca assomiglia sempre di più ad un bollettino di guerra – afferma il presidente Carlo Rienzi – Da tempo chiediamo di incrementare i controlli sulle strade, con particolare riferimento ai weekend e alle zone dove sono ubicati locali e discoteche, e dove i giovani si mettono troppo spesso alla guida dopo aver bevuto alcolici o assunto droghe. È necessario incrementare la presenza delle forze dell’ ordine nei punti a rischio, con postazioni fisse per eseguire test sugli automobilisti relativamente al consumo di alcol e droga, unica possibilità per salvare vite umane e garantire la sicurezza stradale. La magistratura deve indagare anche sull’ attività di prevenzione e repressione realizzata dagli enti locali, sul numero di pattuglie in circolazione nelle ore notturne e sui controlli eseguiti sulle strade».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox