22 Giugno 2016

È scattato il conto alla rovescia per i saldi estivi

È scattato il conto alla rovescia per i saldi estivi
sconti e promozioni. si comincia il 2 luglio ma c’ è già chi ha iniziato «sottobanco»

«La stagione ed i consumi vanno a rilento» ha detto il presidente di Federmoda Confcommercio, Borghi Palermo. Saldi estivi. E’ scattato il conto alla rovescia ma già si fanno vedere in giro le promozioni sottobanco. E, in tale contesto, sono scattati i controlli di Guardia di finanza e polizia municipale. Il 2 luglio è alle porte e in tutta Italia sarà corsa alle promozioni più vantaggiose. Quest’ anno gli sconti sono più attesi dai consumatori perché coincideranno con l’ arrivo del gran caldo che, sino a questo momento, è stato molto avaro di giornate assolate. Minori aspettative invece tra i negozianti che non vedono grandi prospettive. «La stagione ed i consumi vanno a rilento – ha detto il presidente di Federmoda-Confcommercio, Renato Borghi – anche a causa del clima e i saldi saranno particolarmente vantaggiosi per i consumatori che potranno acquistare una gran varietà di abiti, scarpe, costumi da bagno, a prezzi bassi». Per quanto concerne i consumi comunque, nell’ abbigliamento, qualche «timido segnale di ripresa c’ è stato nei primi mesi dell’ anno – ha proseguito Borghi -, si è visto un segno positivo che, dopo anni di segno meno, è già molto, ma non bisogna pensare tuttavia che i saldi possano aiutare il settore, in quanto non possono dare una potenzialità di crescita consolidata». In particolare, in questo periodo, i commercianti segnalano che le vendite degli accessori vanno bene mentre il settore che va peggio sono le calzature. Mai disperare, lo shopping estivo può essere un attrattore per i turisti stranieri nelle città d’ arte o nei luoghi di villeggiatura. Quanto al problema sollevato dei saldi camuffati, che è stato sollevato dal Codacons, Borghi concorda «ci vuole il rispetto della normativa, le vendite promozionali non vanno fatte nei 30 giorni prima dei saldi perché sarebbe concorrenza sleale». Per Roberto Manzoni, presidente di Fismo-Confesercenti, «i saldi arrivano ogni anno troppo presto, dovrebbero essere spostati alla fine della stagione estiva, come anche di quella invernale». E’ una questione che la Fismo solleva ogni volta al tavolo nazionale. Quanto all’ unica data per la partenza dei saldi in tutta Italia, Fismo la sostiene «penso sia una buona idea perché il piccolo imprenditore non ha la forza di creare un evento come quello dei saldi, di creare un’ aspettativa o di farsi pubblicità. Inoltre, – ha aggiunto – se liberalizziamo i saldi, come qualcuno vorrebbe, andrebbe a vantaggio solo dei furbi e dei grandi negozi». Quest’ anno comunque, i saldi saranno sempre più «un’ opportunità per compare prodotti di alta qualità, con un grande assortimento di capi, a prezzi vantaggiosi. Noi negozianti ci contiamo perché anche se nei primi mesi le vendite sono andate abbastanza bene, in quest’ ultimo mese siamo stati rovinati dal maltempo». Infine una raccomandazione: «bisogna andare da un negoziante che si conosce perché ci sono troppi furbetti in giro e pochi controlli». L. Z.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this