5 Giugno 2019

Scandalo Dieselgate, il Tar conferma la mega multa

i giudici respingono il ricorso di volkswagen: «il colosso automobilistico paghi 5 milioni»
VERONA Cinque milioni di euro: è questa la multa che dovrà pagare Volkswagen per lo scandalo Dieselgate. Arriva dal Tar del Lazio la prima sentenza sul caso delle presunte emissioni «taroccate»: una vicenda che vede la procura di Verona titolare di un’ inchiesta che imputa a 6 indagati il reato di frode in commercio e che coinvolge tutta Italia con migliaia di parti lese. Con la sentenza appena pronunciata dalla magistratura amministrativa, è stata dunque confermata la multa inflitta nell’ agosto 2016 dall’ Antitrust, respingendo il ricorso che era stato presentato dal costruttore. La sanzione inflitta dall’ Antitrust italiana equivale al massimo edittale ed è stata comminata sulla base delle segnalazioni pervenute da parte di varie associazioni dei consumatori, nonché a partire dalle informazioni acquisite d’ ufficio dall’ Antitrust in relazione dall’ indagine svolta dall’ EPA, l’ agenzia federale americana dell’ ambiente che ha scoperchiato lo scandalo emissioni della Volkswagen. Nelle motivazioni del Tar, si legge che «il colosso automobilistico aveva ammesso di aver commesso un grave errore compromettendo il rapporto di fiducia con i consumatori». Fiducia nel marchio che è stata «dirimente ai fini della consumazione dell’ illecito». Per il Tar la sanzione economica resta quella fissata dall’ Antitrust perché decisa «in modo proporzionato e conforme alle disposizioni legislative di riferimento». Si tratta di una sentenza in cui le associazioni dei consumatori speravano ma che non le accontenta, tanto che il Codacons precisa che «si tratta di una sanzione irrisoria, lontana dalle pesanti punizioni inflitte alla casa automobilistica da paesi come Stati Uniti e Germania». Lo stesso Codacons precisa che «è in corso il processo penale presso il Tribunale di Verona per verificare le responsabilità di Volkswagen. Si tratta di una inchiesta aperta con possibili risarcimenti in arrivo. Gli automobilisti interessati sono infatti parte civile nel processo». Nel frattempo Altroconsumo ricorda che «sono oltre 76 mila adesioni alla class action contro Volkswagen. Tanti sono stati infatti i moduli di adesione formale compilati e scaricati per partecipare all’ azione di classe promossa dalla nostra associazione per lo scandalo Dieselgate.La battaglia però è ancora lunga: i nostri legali insisteranno affinché tutti i 76 mila consumatori che hanno aderito all’ azione ottengano il risarcimento del 15% sul prezzo acquisto dell’ auto».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox