15 Luglio 2008

Sbranata dal pitbull, il figlio in cella

SBRANATA da un cane pitbull, che era stata costretta a tenere in casa assieme ad altri due meticci, e ritrovata senza vita in un lago di sangue nel suo alloggio. E` l`orrenda fine toccata a una pensionata di Sassari. E la tragedia ha subito riacceso il dibattito sulla potenziale pericolosità di alcune razze animali, e l`opportunità di eliminare o meno la black list per imporre ai possessori particolari cautele. La vittima, Paola Dessole, 77 anni, rinvenuta cadavere sul pavimento, presentava lacerazioni sulle carni, morsi inconfondibili con la tipica impronta dei denti canini. Il figlio, Gianni Carrucciu, che viveva con lei, ha fatto la macabra scoperta rientrando nella tarda mattinata di ieri. E` stato arrestato per omicidio colposo, in relazione all`omessa custodia: era sua l`idea di ospitare alcuni cani dalla indole combattiva in uno spazio confinato, una costrizione che poteva accentuare o peggio aizzare gli istinti peggiori. ALTRE DUE figlie avrebbero riferito agli agenti, intervenuti sul posto,che la madre era terrorizzata per via del comportamento aggressivo dei cani, e che più volte aveva chiesto di portarli via o perlomeno spostarli dall`ingresso dove erano tenuti legati. NON E` ANCORA chiaro se la signora (che nel 1976 uccise il marito con un tubo di ferro) sia stata deliberatamente attaccata dalla bestia inferocita o sia stata azzannata solo in un secondo momento, dopo essere caduta a terra per un evento traumatico accidentale che avrebbe potuto innescare la brutalità animale. Il decesso è avvenuto per emorragia, la lesione letale appare inferta alla radice del braccio, le tracce di sanguinamento più importanti provengono da un`arteria recisa. UNA VICINA ha riferito agli inquirenti di aver sentito alcuni rumori provenienti dalla casa teatro della tragedia, nel centro di Sassari, e di aver telefonato al 118 per dare l`allarme. La morte dell`anziana ? la salma è stata avviata alla medicina legale ? ha infiammato la polemicasull`opportunità di misure restrittive per tenere a freno le razze pericolose. IL CODACONS ha chiesto di mantenere l`ordinanza ministeriale introdotta a suo tempo da Girolamo Sirchia e ribadita da Livia Turco: contempla 17 razze che richiedono particolari cautele ai possessori. L`associazione dei consumatori chiede anche di rafforzarla con il patentino obbligatorio. E` una risposta alle dichiarazioni del sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, che ha annunciato di voler abolire la black list: “Non esistono cani pericolosi, lo diventano per cause ambientali e per il trattamento che ricevono“, sostiene. LA NUOVA ordinanza che il Governo presenterà sui cani pericolosi sarà discussa oggi in commissione tecnica. “Prevede un ampliamento degli obblighi di guinzaglio e museruola“, ha anticipato la Martini. Il presidente dell`Associazione per la messa al bando dei cani feroci, Ennio Cangiani, in una nota invoca da parte sua la sterilizzazione dei pitbull.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox