2 Maggio 2012

SANITA’: LE DONNE DELL’UMBRIA CHE HANNO SUBITO UN IMPIANTO AL SENO CON PROTESI PIP POTRANNO OTTENERE L’ESPIANTO E IL REIMPIANTO A SPESE DEL SSN

    SANITA’: LE DONNE DELL’UMBRIA CHE HANNO SUBITO UN IMPIANTO AL SENO CON PROTESI PIP POTRANNO OTTENERE L’ESPIANTO E IL REIMPIANTO A SPESE DEL SSN

    DOPO LA DECISIONE DEL TAR DEL LAZIO. ECCO I CENTRI CUI RIVOLGERSI

    IL CODACONS INVITA LE DONNE DELLA REGIONE CON PROTESI PIP A CHIEDERE ATTRAVERSO L’ASSOCIAZIONE 10MILA EURO DI RISARCIMENTO

    Le donne residenti in UMBRIA che hanno subito un impianto al seno con protesi Pip, potranno chiedere l’espianto delle stesse e il reimpianto, tutto a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Lo comunica il Codacons, dopo che il Tar del Lazio, accogliendo il ricorso dell’associazione, ha ordinato al Ministero della salute di rivedere e correggere l’ordinanza con cui fissa dei limiti eccessivi all’espianto e al reimpianto delle protesi Pip.

    Grazie alla decisione del Tar – spiega il Codacons – tutte la pazienti potranno chiedere la sostituzione delle protesi anche in assenza di danni fisici o precise indicazioni del medico. Sarà sufficiente il timore di possibili ripercussioni per la salute a giustificare un intervento a carico del SSN.

    “Stiamo già fornendo assistenza legale a oltre 180 pazienti che si sono viste impiantate protesi Pip, e che chiedono di essere risarcite per i danni subiti – aggiunge il Presidente Carlo Rienzi – Invitiamo tutte le donne dell’UMBRIA che abbiano subito l’impianto di Pip a rivolgersi alla nostra associazione per chiedere giustizia e ottenere 10.000 euro ciascuna di risarcimento nei confronti del produttore e dei Ministeri della Salute e dello Sviluppo economico, in relazione all’omessa vigilanza da parte delle istituzioni”. Per aderire all’azione è sufficiente collegarsi al sito www.codacons.it e seguire le istruzioni riportate.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox