10 Febbraio 2014

SANITA’: DICIOTTENNE MUORE A PALERMO PER CONSEGUENZE ASCESSO DENTARIO

    SANITA’: DICIOTTENNE MUORE A PALERMO PER CONSEGUENZE ASCESSO DENTARIO

    CODACONS: COLPA DELLA CRISI ECONOMICA E DELLE LUNGAGGINI DELLA SANITA’ PUBBLICA

    IL 23% DEGLI ITALIANI RINUNCIA ALLE CURE ODONTOIATRICHE

    Il caso della 18enne morta a Palermo a causa di un ascesso non curato per mancanza di soldi, è uno degli effetti della crisi economica che ha colpito la Sicilia in modo più drammatico rispetto al resto d’Italia.
    L’11% degli italiani rinuncia alle cure mediche perché non ha le possibilità economiche per curarsi, e nel caso delle le visite odontoiatriche la percentuale sale al  23% – denuncia il Segretario nazionale Codacons, Francesco Tanasi – Ed in Sicilia la situazione è addirittura peggiore. Chi non può permettersi cure private, si rivolge alla sanità pubblica, settore dove però le liste d’attesa sono spesso lunghissime, al punto da spingere un numero crescente di utenti a rinunciare alle cure.
    Tale stato di cose genera emergenze e situazioni estreme come la morte della ragazza di Palermo. “E’ intollerabile che nel 2014 in Italia si possa morire per mancanza di soldi – prosegue Tanasi – Il settore della sanità pubblica deve essere potenziato per garantire a tutti le prestazioni mediche, mentre negli ultimi anni abbiamo assistito a tagli lineari nella sanità che hanno prodotto solo un peggioramento del servizio e un allungamento delle liste d’attesa”.  

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox