fbpx
18 Marzo 2019

SANITA’: CODACONS CHIEDE ALLE ASL DI TUTTA ITALIA DI VERIFICARE PRESCRIZIONI DA PARTE DEI MEDICI FINANZIATI DA BIG PHARMA

PER ACCERTARE EVENTUALI SQUILIBRI NELL’INDICAZIONE DEI MEDICINALI AI PAZIENTI

Con una istanza presentata alle Asl di tutta Italia, il Codacons chiede di avviare una indagine a tappeto sulle prescrizioni dei 32.623 medici italiani che tra il 2015 e il 2017 hanno ricevuto finanziamenti da parte delle case farmaceutiche.
Alla base dell’iniziativa dell’associazione, un report contenente tutti i dati circa i finanziamenti (attraverso accordi di sponsorizzazione, donazioni, viaggi, quote di iscrizione, corrispettivi e consulenze) elargiti da 10 aziende del farmaco a medici, fondazioni e ospedali italiani, report già finito all’attenzione dell’Anac.
Le Asl di tutta Italia devono verificare eventuali squilibri nelle prescrizioni di farmaci da parte dei medici, per accertare che le aziende finanziatrici non siano state in alcun modo agevolate grazie ai sussidi erogati – afferma il Codacons, che cita nell’istanza un recentissimo studio pubblicato sulla rivista americana “The Oncologist” secondo cui, per il trattamento di quattro diverse tipologie di cancro, si sarebbe assistito negli Stati Uniti ad un incremento di prescrizioni da parte dei medici a favore dei farmaci prodotti da alcune multinazionali che avevano erogato finanziamenti agli stessi camici bianchi.
Nell’interesse dei pazienti e degli utenti della sanità le Asl devono fugare il campo da qualsiasi dubbio, verificando la quantità delle prescrizioni ed eventuali anomalie derivanti dai legami economici tra medici e aziende – aggiunge l’associazione.
Intanto già centinaia di cittadini hanno scaricato dal sito www.codacons.it l’elenco suddiviso per comune dei 32.623 medici ed enti finanziati da 10 case farmaceutiche.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox