13 Maggio 2012

Sanità, vicino l’ addio ai ticket «Pagamenti in base al reddito»

Sanità, vicino l’ addio ai ticket «Pagamenti in base al reddito»

il ministro balduzzi propone una riforma del meccanismo pronta la bocciatura del codacons: «così si paga due volte»

TORINO «Siamo a livello di una proposta, non è una decisione assunta. Una proposta che va nel senso, come da tempo annunciato, di rendere il sistema della compartecipazione più equo e trasparente e tendenzialmente omogeneo». Si è espresso così il ministro della Salute, Renato Balduzzi, in merito all’ ipotesi di riforma del meccanismo dei ticket, a margine di un convegno sulla terapia del dolore a Torino. «La situazione attuale presenta profili di iniquità e di opacità e tendenziale disomogeneità – aggiunge Balduzzi – Questo è il progetto, questo è l’ obiettivo, nelle prossime settimane ci saranno gli approfondimenti e i confronti». I vantaggi della franchigia «Stiamo pensando a una forma di franchigia che avrebbe tanti vantaggi e lavorando per ridurre gli svantaggi. Siamo prossimi a formalizzare una proposta compiuta per rimodulare il sistema dei ticket». Il ministro Balduzzi lo aveva annunciato, ospite di Radio Anch’ io, su Radio1. Il sistema della franchigia, ha sottolineato il ministro della Salute, risolverebbe il problema «delle esenzioni non legate al reddito» e risponderebbe ai criteri di «trasparenza, equità e tendenziale omogeneità». La soglia modulata sul reddito L’ ipotesi di introdurre una franchigia invece della compartecipazione alla spesa sanitaria attraverso i ticket, ha sottolineato il ministro, «potenzia l’ equità nel campo della compartecipazione» perchè prevede che ciascun cittadino «paghi fino a una certa soglia, modulata sul reddito» superata la quale «il servizio sanitario si fa carico di tutto». Uno studio dell’ Agenas, che sarà presentato nei prossimi giorni, aveva ipotizzato di fissare la soglia al 3 per mille del reddito lordo, che si tradurrebbe, per esempio, in 30 euro l’ anno per un pensionato con 10mila euro di reddito, per arrivare a 300 euro l’ anno per un reddito di 100mila euro. La secca bocciatura del Codacons Una proposta «assurda e irricevibile». Così il Codacons giudica la proposta del ministro della Salute Renato Balduzzi di prevedere una franchigia legata ai redditi in sostituzione dell’ attuale meccanismo dei ticket. «Si tratta di una proposta assurda e irricevibile, che danneggerebbe enormemente i cittadini che pagano le tasse» dice il presidente Codacons, Carlo Rienzi. E aggiunge: «Con tale franchigia, infatti, il ministro introdurrebbe una nuova imposta a carico di chi già paga le tasse e quindi già finanzia il comparto sanitario». © riproduzione riservata.

 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox