2 Gennaio 2010

SALUTE: CLAMOROSA LA SECONDA CLASS ACTION DEL CODACONS. DOPO LE BANCHE ORA I CONSUMATORI SI SCATENANO CONTRO I TEST DELLA SUINA

IL CODACONS CHIAMA IN GIUDIZIO LA VODEN MEDICAL INSTRUMENTS SPA, PER FAR OTTENERE A TUTTI I CITTADINI ITALIANI, LA RESTITUZIONE DELLE SOMME PAGATE PER L’ACQUISTO DELL’EGOTEST FLU SE IL TRIBUNALE ACCOGLIERA’ L’AZIONE, LE DECINE DI MIGLIAIA DI ACQUIRENTI DI QUESTO TEST “FAI DA TE”, DEFINITO COMPLETAMENTE INUTILE DAL MINISTRO FAZIO, OTTERRANNO GIUSTIZA

Il Codacons, dopo aver gia’ presentato ieri la prima in assoluto nel nostro Paese (contro le commissioni bancarie nei confronti di Unicredit e Intesa Sanpaolo che vantano rispettivamente 14,5 e 11,1 milioni di clienti in Italia), presenta oggi un’altra clamorosa class action, resa possibile dal nuovo articolo 140 bis del Codice del Consumo.
Il Codacons, come riportato da tutti gli organi di stampa, da subito ha denunciato la strumentalizzazione della cosiddetta influenza suina a fini speculativi. Non e’ sfuggita a tale regola nemmeno l’enorme businness costituito dai cosiddetti “test fai da te”.
L’associazione ha pertanto citato in giudizio, avanti il Tribunale di Milano, la VODEN MEDICAL INSTRUMENTS SPA, ideatrice e distributrice del test “EGO TEST FLU”, che permetterebbe la rilevazione, fai da te, della presenza dell’influenza A e B, compresa quella suina e aviaria. Peccato che il Vice Ministro del Welfare, Fazio, come riportato da tutti gli organi di stampa, abbia dichiarato che “i test a casa non servono a niente, l’unica diagnosi affidabile e’ quella del medico”.
Mentre la societa’ distributrice afferma che il test sarebbe “pratico, semplice e sicuro”, e che vanterebbe una “sensibilita’ del 99,1%”, tecnici del Ministero dichiarano che il test “ha una scarsa sensibilita’ rispetto agli esami di tipo molecolare, il che comporta un rischio non indifferente di incorrere in falsi negativi… […] per questo motivo non sono raccomandati”.
D’altra parte, molte farmacie hanno rifiutato la commercializzazione del test, come affermato sugli organi di stampa dal Presidente di Federfarma Lazio: “le cooperative di farmacisti del Lazio non lo hanno acquistato. Non vogliamo vendere ai clienti prodotti illusori.”
Chi ha acquistato il test, puo’ dunque scrivere all’email testsuina@codacons.it per una pre adesione, in attesa che il Tribunale di Milano si pronunci, come previsto dalla legge, sull’ammissibilita’ della class action.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox